DELFINO

Il Pescara prepara il match di sabato con il Bari

Caprari: «pronto a dare il mio contributo»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2074

Caprari
PESCARA. Va avanti la preparazione del Pescara in vista del match di sabato all'Adriatico contro il Bari, reduce dallo 0-0 casalingo nell'ultima giornata con la Juve Stabia.

 Ieri doppia seduta di allenamento al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo. Assenti Verratti, Capuano ed Insigne, impegnati in uno stage a Roma con l'Under 21. Ha lavorato a parte Martin mentre Immobile ha svolto solo lavoro atletico col gruppo. Oggi unica seduta al mattino sempre al Poggio.
Il tecnico Zdenek Zeman, che ha già affrontato l'ultima trasferta di Ascoli in situazione di emergenza, con i pugliesi però dovrà rinunciare a diverse pedine importanti del suo scacchiere. Su tutti Immobile, che con ogni probabilità non riuscirà a smaltire l'infortunio muscolare che lo ha colpito la scorsa settimana. Out per squalifica anche Gessa, espulso per proteste dalla panchina, e soprattutto Cascione. Quest'ultimo con ogni probabilità verrà rimpiazzato da Kone.
C'è un recupero importante però, quello di Marco Verratti che ha scontato il turno di squalifica. Il giovane metronomo biancazzurro, imprescindibile per l'economia del gioco pescarese, riprenderà il proprio posto in cabina di regia. Tutto ok anche per Soddimo, che si giocherà una maglia da titolare con Caprari e Maniero.
Nelle ultime settimane, dopo un infortunio al polso occorso contro la Reggina, è rientrato regolarmente in lista convocati Gianluca Caprari, talento puro della primavera della Roma che però fin qui ha deluso per prestazioni e minutaggio: «sto bene fisicamente e va sempre meglio, mi manca solo di mettere fiato e minuti nelle gambe. Vorrei giocare di più e mi manca il campo e lavoro per poter essere scelto tra i titolari al di là degli infortuni dei compagni. Sono pronto fin da subito a dare il mio contributo».
Il Pescara è reduce dal ko di Ascoli: «è stato chiaro a tutti in panchina che i primi 2 gol loro non erano validi. Spetta però alla società pensare e queste cose, noi dobbiamo solo fare i calciatori e giocare sul campo».
«In questo fine campionato l'obiettivo è sempre quello di migliorare» – conclude Caprari –«ci sono tutte le carte in regola per far bene sia per la squadra sia a livello personale».
Infine per sabato sono stati venduti quasi 5mila biglietti, che vanno ad aggiungersi ai 3mila abbonati circa. Non ci sarà molto probabilmente il tutto esaurito o il record di presenze, ma lo stadio Adriatico offrirà comunque una cornice di pubblico da categoria superiore.

Andrea Sacchini