CALCIO

Delfino Pescara. Prosegue il silenzio stampa di Zeman

Parla il Ds Delli Carri: «chiediamo attenzione agli arbitri»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1965

Delfino Pescara. Prosegue il silenzio stampa di Zeman
PESCARA. Non è ancora stata smaltita in casa Pescara la delusione per la sconfitta di sabato scorso 3-0 ad Ascoli. In terra marchigiana i biancazzurri, pur disputando un incontro largamente al di sotto della aspettative con poche azioni create e troppi pericoli subiti dalla difesa in azioni di ripartenza, sono

 stati affossati da errori arbitrali contestati aspramente dalla società pescarese.
Almeno 2 gol su 3 palesemente irregolari ed un arbitraggio nel complesso definito “scientifico” dalle moviole di tutta Italia. E non è la prima volta per i ragazzi di Zdenek Zeman, costretti già a subire le nefandezze di Modena ad inizio campionato e Brescia nella penultima giornata solo per citarne un paio. Il dossier dei torti arbitrali ai danni del Pescara, nelle ultime settimane, è lievitato ulteriormente e non rappresenta certo un'esagerazione la frase del patron Sebastiani secondo il quale a questo Pescara mancano almeno 10 punti in classifica.
Lo stesso ZdneK Zeman, nel post partita di Ascoli, si è chiuso in un silenzio stampa che con ogni probabilità durerà per tutta la settimana.
Nella consueta ripresa degli allenamenti ieri al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo ha preso la parola il Ds Daniele Delli Carri, che tra i tanti argomenti toccati ovviamente ha trattato anche la questione arbitrale delle ultime settimane: «auspicavamo ad Ascoli un maggiore rispetto dopo quello successo nella giornata precedente con il Brescia. Non vogliamo che nessuno ci regali niente ma quantomeno non vorremmo essere danneggiati così pesantemente. Cerchiamo più attenzione, non c'è malafede altrimenti avremmo già ritirato la squadra dal campionato».
«Poi sicuramente ci sono dei demeriti tecnici da parte della squadra» – va avanti Delli Carri – «ed i giocatori devono pensare a giocare e non a questioni squisitamente politiche. La società deve pensare a queste cose nelle sedi opportune, i ragazzi invece non devono prendere alibi per il futuro. Ci aspettano 10 finali da qui a fine campionato e abbiamo tutte le intenzioni di riprendere il discorso promozione».
Errori arbitrali a parte la squadra è comunque sembrata sotto tono nelle ultime uscite: «ultimamente il Pescara non ha certo brillato, per questo motivo chiediamo ai giocatori di pensare al campo. Sicuramente c'è qualcosa che non va nel prendere 3 gol ad Ascoli e nel giocare un brutto secondo tempo la settimana scorsa in casa col Brescia».
«La base di tutto è il collettivo» – conclude il Ds biancazzurro – «da soli non si vincono le partite. Bisogna responsabilizzare di più i giocatori che vanno in campo. Ripeto, gli alibi non esistono poi siamo ancora secondi quindi proprio nulla è perduto».
Oggi doppia seduta di allenamento al Poggio degli Ulivi. Tutti a disposizione del tecnico eccezion fatta Insigne, Capuano e Verratti convocati in Under 21 ed Immobile, che ha svolto lavoro differenziato. Tutto ok invece per Soddimo, che è rientrato in gruppo. Infine sono in vendita i biglietti per la gara Pescara-Bari di sabato.
Andrea Sacchini