CALCIO

Serie B. All'Adriatico un Pescara dai due volti impatta 1-1 col Brescia

Arbitraggio sfavorevole ai biancazzurri

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6883

Serie B. All'Adriatico un Pescara dai due volti impatta 1-1 col Brescia

Foto: Fabio Urbini

PESCARA. Davanti ad un grande pubblico, record stagionale di presenze, i biancazzurri non vanno oltre l'1-1 all'Adriatico contro il Brescia. Le reti tutte nel primo tempo: vantaggio degli ospiti al terzo con Piovaccari e pareggio al minuto 20 con il solito Ciro Immobile.

 Nel primo tempo il Brescia ha fallito un penalty sul risultato di parità.
Da sottolineare la direzione arbitrale pessima di Massa di Imperia e dei suoi collaboratori che soprattutto nel secondo tempo, dopo aver concesso un rigore inesistente al Brescia nei primi 45, hanno indispettito non poco giocatori e pubblico di casa con il gol regolare non dato a Nielsen e l'atteggiamento permissivo sui continui falli pericolosi e cattivi nei confronti dei giocatori abruzzesi di maggior classe.
Errori arbitrali a parte va comunque analizzata la prova non eccezionale dell'undici di Zdenek Zeman, che dopo un ottimo primo tempo per gioco ed occasioni da gol create nella ripresa è calato a livello fisico, con il Brescia vicino al raddoppio in contropiede in diverse occasioni.
Pescara poco attento in fase difensiva e troppe volte sbilanciato nelle azioni di ripartenza dei bresciani, con Romagnoli spesso e volentieri lasciato da solo ad opporsi alla maggiore velocità degli avanti ospiti.
Nel complesso prova non del tutto convincente dei biancazzurri, che però possono accettare di buon grado un punto comunque prezioso per la classifica, considerando l'arbitraggio ed il secondo tempo giocato sotto ritmo con poche chance create.
In avvio al terzo subito il Brescia passa in vantaggio. In perfetta azione di contropiede, con il Pescara sbilanciato, Piovaccari fa secco in velocità Romagnoli ed insacca alle spalle di Anania.
La doccia fredda scuote i biancazzurri che costruiscono con Cascione al 12esimo i prodromi del pareggio. Il numero 4 adriatico in piena area di rigore non trova il guizzo vincente. Al 16esimo Nielsen nel cuore dell'area liberato da un compagno spara in porta con decisiva deviazione di un difensore bresciano.
Al 19esimo Insigne di un nulla non riesce a deviare in rete un grande suggerimento di Immobile nel mezzo. Un minuto dopo però il Pescara con merito pareggia. Immobile, liberato da Insigne, da posizione decentrata entra in area e realizza alle spalle di Arcari in diagonale.
Neanche il tempo di gioire, che subito gli ospiti hanno la ghiotta occasione per il raddoppio. Per una trattenuta veniale in area, penalty per il Brescia. Dal dischetto però El Khaddouri colpisce il palo pieno.
Alla mezz'ora tiro cross di Balzano deviato da un difensore con palla che di un nulla non si insacca sotto la traversa. Al 38esimo grande slalom di Insigne che semina diversi uomini ed a giro da buona posizione non inquadra lo specchio della porta.
Prima del riposo il colpo di testa di Immobile, su preciso cross dalla sinistra di Balzano, è di poco fuori misura.
Nella ripresa cambia la partita, con il Brescia padrone del campo ed il Pescara incapace di creare grattacapi alla retroguardia ospite. Al secondo El Khaddouri, ancora una volta in contropiede, supera Romagnoli e a tu per tu con Anania spedisce altissimo. Al quarto Piovaccari in diagonale manda fuori il pallone.
Al decimo la più ghiotta occasione del secondo tempo per il Pescara. Azione travolgente in velocità di Immobile che trova il corridoio giusto per Sansovini che da buona posizione spedisce la sfera sul fondo.
Alla mezz'ora altro pericolo per la porta del Pescara. In velocità Feczesin a tu per tu con Anania si lascia ipnotizzare dall'estremo difensore abruzzese. Sempre l'ungherese, prima della fine, sparacchia malamente a lato un buon pallone su ennesima dormita della retroguardia pescarese. Al 90esimo rosso per Verratti per doppia ammonizione.
Con questo punto il Pescara è salito a quota 62 in classifica, ad una lunghezza dal Torino capolista. 2 e 3 invece rispettivamente i punti di vantaggio su Verona e Sassuolo. Sabato impegno delicato ad Ascoli.
TABELLINO
PESCARA (4-3-3): Anania; Zanon, Capuano, Romagnoli, Balzano; Verratti, Nielsen (41'st Kone), Cascione; Immobile, Insigne, Sansovini (35'st Soddimo). A disposizione: Ragni, Togni, Bocchetti, Gessa, Maniero. Allenatore: Zeman.
BRESCIA (3-5-2): Arcari; Martinez, Caldirola, De Maio; Zambelli, Vass (34'st Rossi), Salamon, Martinarini, Daprelà; El Kaddouri, Piovaccari (26'st Feczesin). A disposizione: Leali, Zoboli, Foti, Dallamano, Cordova. Allenatore: Calori.
ARBITRO: Massa della sezione di Imperia. Presenti sugli spalti circa 19mila spettatori.