CALCIO

2°Div/B. Nel derby L'Aquila supera 2-0 il Giulianova

Rossoblù in piena zona play-off

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1494

2°Div/B. Nel derby L'Aquila supera 2-0 il Giulianova
L'AQUILA. Il derby tra L'Aquila e Giulianova al Fattori termina con un'affermazione per 2-0 dei padroni di casa. Un gol per tempo di Agnello e Colussi rispettivamente al 16esimo del primo tempo e 36esimo della ripresa.

Successo largo che ha punito oltremodo i giuliesi, con gli aquilani però che hanno meritato il successo per occasioni da gol create. Troppo debole questo Giulianova per impensierire l'undici rossoblù, lanciato verso la conquista dei play-off. Per i giallorossi invece si tratta del terzo ko di fila, che per fortuna non peggiora la classifica in chiave salvezza.
Giulianova quasi mai in partita anche a causa di tantissime assenze per infortuni e squalifiche. Indisponibilità che ormai colpiscono ogni domenica l'undici di De Patre, costretto sempre a fare di necessità virtù nella scelta delle formazioni da mandare in campo.
Primo tempo tutto sommato gradevole, con predominio da parte dei padroni di casa. Ripresa povera di contenuti tecnici apprezzabili, con poche chance create e gioco stagnante soprattutto a centrocampo. Nei secondi 45 meglio il Giulianova, che ha avuto almeno un paio di buone situazioni per pervenire al pareggio, fino al gol del ko aquilano in contropiede.
Avvio equilibrato con 2 occasioni insidiose subito in avvio. Al terzo Bruno per il Giulianova da posizione decentrata non inquadra lo specchio della porta dopo un buono spunto personale.
Al settimo brutto errore di Terrenzi e Carcione, a tu per tu con Merletti, si lascia ipnotizzare dall'estremo difensore giallorosso.
Al quarto d'ora il vantaggio dei padroni di casa. Carcione trova il corridoio giusto per Agnello, che supera Merletti ed insacca a porta sguarnita.
Il Giulianova fa fatica e L'Aquila prova a chiudere sin da subito l'incontro. Intorno la mezz'ora Cunzi, sugli sviluppi di un corner, di testa non inquadra di un nulla lo specchio della porta su ennesimo errore in marcatura della retroguardia ospite.
Al 37 pericolo creato dal Giulianova con una conclusione dalla lunga distanza di Picone con sfera sul fondo. Al 40esimo altra bella verticalizzazione in profondità di Agnello per Improta, che solo davanti a Merletti fallisce la misura del pallonetto.
Prima del riposo la più ghiotta palla gol create dal Giulianova. Su calcio d'angolo stacco di testa di Bianchi con Testa bravo a dire di no.
Ripresa tutt'altro che esaltante. Per annotare il primo pericolo bisogna arrivare al quarto d'ora, con una botta di Morga dal limite che impegna severamente Testa, approfittando di alcuni errori marchiani della difesa aquilana.
Al 20esimo altra buona chance per gli ospiti. Picone lasciato libero in area conclude frettolosamente e debolmente tra le braccia di Testa.
Al 36esimo il gol che ha chiuso l'incontro. In perfetta azione di contropiede, dall'esterno bella palla di Improta nel mezzo per Colussi che batte Merletti.
Il finale è soltanto accademia, con entrambe le squadre in attesa soltanto del triplice fischio.
Con questo successo L'Aquila è salita a quota 57 in classifica, ad otto lunghezze dalla settima piazza. Altra sconfitta invece dunque per il Giulianova, che resta a 34 punti, con un vantaggio di ancora 5 punti sulla zona play-out. Mercoledì turno di recupero per le abruzzesi per le partite saltate nelle settimane scorse causa neve. In programma L'Aquila-Milazzo e Giulianova-Aversa Normanna.
TABELLINO
L'AQUILA (4-3-3): Testa; Garaffoni, Simoncini, Ruggiero, Calvarese; Catinali, Agnello, Carcione; Capparella (19'st Colussi), Improta (43'st Pietrella), Cunzi (29'st Perfetti). A disposizione: Modesti, Leone, Campinoti, Prete. Allenatore: Ianni.
GIULIANOVA (4-3-2-1): Merletti; Cavasinni, Terrenzio, Faragalli, Testoni; Bruno, Della Penna (34'st Bontà), Bianchi (37'st Giustini); Valori, Iachini (10'st Morga); Picone. A disposizione: Sorrentino, Palandrani, Granata, Di Michele. Allenatore: De Patre.
ARBITRO: Zivelli della sezione di Torre Annunziata.
Andrea Sacchini