CALCIO A 5

Calcio a 5. Zaramello sul momento dell'AcquaeSapone Fiderma

Prossimo incontro con l'Asti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

766

Calcio a 5. Zaramello sul momento dell'AcquaeSapone Fiderma
CITTÀ SANT'ANGELO. L’asso di Coppa da calare sul tavolo del Pala Fabris di Padova è Xuxa Zaramello.

L’AcquaeSapone Fiderma è la debuttante alle Final eight 2012, ma il suo capitano ha esperienza da vendere nella competizione ed è pronto a caricarsi la squadra sulle spalle per lasciare il segno. Il portiere, da poco trentenne, ha già alzato al cielo una Coppa Italia nel 2006 con la maglia della Luparense. Non è l’unico indizio a favore di Zaramello: da quando è arrivato in Italia, otto anni fa, non è stato presente ai nastri di partenza della manifestazione solamente nella passata stagione (quando i nerazzurri di Lamers non si qualificarono) e due anni fa (allora però con l’AcquaeSapone giocò le Final eight di A2, arrivando in finale). Prima di allora, cinque partecipazioni consecutive: due con la Luparense e tre con il Biceglie, le società in cui ha militato prima di sbarcare a Città Sant’Angelo.
“Con questa formula, la Coppa Italia è diventata un torneo veloce in cui la squadra che arriva meglio fisicamente e con la testa può arrivare in fondo”, dice Zaramello, che avverte i suoi compagni di squadra: “Non si possono commettere errori di nessun genere, non si può sbagliare neanche nelle cose più banali. Basta una disattenzione e torni a casa. Contro le grandi del campionato, come Marca, Luparense, Lazio, Montesilvano o Asti, bisogna essere perfetti. Soprattutto in queste gare secche”.
La squadra di Bellarte dovrà vedersela con l’Asti, con cui divide adesso anche il sesto posto in classifica in campionato. “E’ una squadra che ci ha dato sempre fastidio – dice il portiere goleador degli angolani – . Per noi, però, questo è un momento buono, mentre loro non sono al cento per cento. La responsabilità, in questa sfida di Coppa, è tutta su di loro, che hanno investito tanto per vincere e non possono fallire. Noi abbiamo guadagnato la qualificazione e siamo caricatissimi: arriviamo con il morale a mille e dobbiamo sfruttare questa situazione”. La vittoria di una settimana fa, in campionato, contro i piemontesi, dimostra che l’obiettivo semifinale è alla portata. “Personalmente, dopo aver perso tre volte contro l’Asti dalla scorsa stagione fino all’andata di quella attuale, non mi fido molto. Ma dopo la nostra vittoria di qualche giorno fa, chissà, forse il vento è cambiato e adesso potremmo diventare noi la loro bestia nera”.
L’AcquaeSapone Fiderma punta, oltre che sul suo portierone, anche sul suo uomo gol, Hector. “Speriamo che continui a fare grandi cose anche in Coppa – aggiunge Zaramello – . Può fare la differenza: è forte tatticamente e tecnicamente, ma soprattutto è un grande per come si comporta nel gruppo”.
Il sogno del patron Barbarossa, ma anche di tutti gli amanti del futsal abruzzese, si chiama semifinale. Il massimo sarebbe arrivarci e trovarsi di fronte la Daf Montesilvano (che sfida la Marca Futsal). “Sarebbe bellissimo avere due abruzzesi in semifinale, anche perché significherebbe averne una sicuramente in finale. E poi i derby sono partite affascinanti e senza pronostico”.
In campionato, intanto, i nerazzurri arrivano alla sosta con 6 punti di vantaggio sul nono posto. I play off scudetto sono a un passo. “Ora giochiamo questa Coppa – chiude Zaramello – . Comunque vadano le cose, quando riprenderà il campionato dovremo tenere i piedi per terra perché la società vuole i play off e dovremo conquistarli. Torneremo da Padova con una sola certezza: dobbiamo ancora migliorare tanto”.