SERIE B

Il Pescara supera 3-2 il Sassuolo

La squadra sospinta da un grande pubblico

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2565

Il Pescara supera 3-2 il Sassuolo
PESCARA. Biancazzurri al secondo posto in attesa del recupero di martedì

Il Pescara vince e sale al secondo posto in classifica proprio in compagnia degli emiliani. Nel primo tempo doccia fredda di Sansone al minuto 42. Nella ripresa Pescara scatenato con la doppietta di Immobile (al quarto ed al 13esimo) e la rete meravigliosa di Insigne al 16esimo. Al 32esimo su rigore il definitivo 3-2 ancora di Sansone.
Più uno in graduatoria anche sul Verona, sconfitto 2-0 sul campo della Sampdoria, con ancora la partita di martedì da recuperare all'Adriatico contro la Juve Stabia. Impegno a questo punto di importanza capitale per mettere i primi pesanti punti di distacco da terza e quarta piazza.
Verdetto del campo giustissimo per i valori tecnici espressi in campo e soprattutto per la volontà, da parte dell'undici di Zdenek Zeman, di creare gioco e mantenere il pallino della manovra in mano quasi per tutti i novanta minuti di gioco. Sassuolo deludente che però ha approcciato il match secondo le previsioni della vigilia: difesa attenta e capacità di pungere in avanti tutta concentrata sui rapidi contropiedi di Sansone e Missiroli e sui calci piazzati.
Gara dai 2 volti. Primo tempo equilibrato con il Sassuolo concentrato soltanto a distruggere il gioco degli adriatici ed emiliani abili nel capitalizzare l'unica vera disattenzione della retroguardia di Zeman. Nella ripresa l'episodio che ha cambiato il match, con il rigore per il Pescara e rosso diretto per un tocco di mani folle quasi sulla linea di porta di Bianco.
Dopo il pareggio non c'è stata partita, con il Pescara in completo controllo del match forte della superiorità numerica e della grande lucidità dei suoi uomini dal centrocampo in su nel far circolare la sfera e cercare verticalizzazioni per il trio Immobile-Sansovini-Insigne.
In poco più di dieci minuti il Pescara chiude la partita sino al calcio di rigore realizzato da Sansone. Ultimi minuti in apnea con i biancazzurri stanchi ma sospinti da un pubblico grandissimo che ha rappresentato la vera anima di questa squadra.
Avvio di gara equilibrato, con il Sassuolo a protezione della propria area di rigore ed il Pescara in avanti alla ricerca del varco giusto. Al minuto 2 colpo di testa alto di Cascione. Al 18esimo Magnanelli per gli ospiti, dopo un'azione confusa al limite dell'area, conclude altissimo.
Al 21esimo la più ghiotta occasione di passare in vantaggio per gli abruzzesi. Tiro-cross di Insigne e palla sulla traversa, sulla ribattuta colpo di testa a botta sicura di Cascione ma il portiere Pomini è semplicemente eccezionale nel chiudere lo specchio al 4 biancazzurro.
La partita stenta a decollare, con i padroni di casa che faticano dopo la trequarti a trovare la profondità per le punte. Al 42esimo il Sassuolo va in vantaggio. Errore della retroguardia biancazzurra con Insigne in fase difensiva che non riesce a tenere Gazzola sull'esterno, palla nel mezzo per Sansone che di prima intenzione a porta sguarnita insacca. Inutile il tentativo disperato di Romagnoli che tocca il pallone ma non evita allo stesso di rotolare in rete.
Scende il gelo sugli spalti, ma nella ripresa al quarto l'asse Insigne-Immobile scaccia i fantasmi della seconda sconfitta consecutiva all'Adriatico ed impacchetta l'1-1. Magia di Insigne sulla sinistra e palla nel mezzo per Immobile che a porta vuota sulla linea di porta non trova la deviazione vincente a causa di un tocco di mani suicida di Bianco. Rigore ed espulsione senza neanche le proteste del Sassuolo. Dal dischetto Immobile è implacabile e pareggia.
Il Pescara forte anche del vantaggio numerico spinge alla ricerca del successo. Volontà ripagata al minuto 13 con il gol del 2-1. Cross col contagiri di Zanon nel mezzo per l'accorrente Immobile, che da 2 passi di testa realizza.
Passano 3 minuti ed il Pescara fa tris. Sansovini pesca nel mezzo Insigne che con una girata favolosa mette il pallone alle spalle dell'incredulo e incolpevole Pomini.
Adriatico in festa ma non è finita. Dal 32esimo c'è ancora da soffrire perché un tocco di mani in area vale il penalty questa volta per il Sassuolo. Dagli undici metri Sansone fa doppietta e 3-2 che riaccende la sfida.
Nel finale tanta sofferenza con diverse mischie in area e l'errore ancora una volta di Romagnoli al secondo minuto di recupero. Troianiello supera Anania e centra lo specchio della porta, ma sulla linea Balzano salva punteggio e partita.
Prossimo appuntamento per i biancazzurri martedì, ore 18.30, allo stadio Adriatico contro la Juve Stabia. Il recupero di campionato rappresenta al momento un'occasione ghiotta per spiccare il volo verso primo o secondo posto, che a fine campionato rappresenterebbero promozione diretta in serie A senza passare per i play-off.

TABELLINO

PESCARA (4-3-3): Anania; Zanon, Romagnoli, Capuano, Balzano; Cascione, Verratti, Nielsen (20'st Gessa); Insigne (41'st Soddimo), Immobile (37'st Maniero), Sansovini. A disposizione: Ragni, Bocchetti, Kone, Martin. Allenatore: Zeman.
SASSUOLO: Pomini, Longhi, Magnanelli (27'st Bianchi), Piccioni, Bruno (10'st Cofie), Sansone, Valeri, Bianco, Marzoratti, Gazzola, Missiroli (17'st Troianiello). A disposizione: Bassi, Boakye, Consolini, Marchi. Allenatore: Pea.
ARBITRO: Giacomelli della sezione di Trieste. Presenti sugli spalti circa 18mila spettatori.
 

Andrea Sacchini