CALCIO

Delfino Pescara. La neve ha rivoluzionato il calendario

Con la Reggina il 24 febbraio, con la Juve Stabia il 6 marzo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1751

Delfino Pescara. La neve ha rivoluzionato il calendario
PESCARA. Dopo il doppio rinvio per neve delle gare con Reggina e Juve Stabia, il Pescara prosegue i lavori in vista dell'impegno di sabato sul campo dell'AlbinoLeffe.


Tutta da verificare la condizione atletica degli uomini di Zdenek Zeman, che vengono da 6 vittorie consecutive ma che sono stati costretti a fermarsi a causa del maltempo.
Pescara-Reggina verrà giocata venerdì 24 febbraio con calcio d'inizio alle ore 20,45. Pescara-Juve Stabia, invece, è stata spostata a martedì 6 marzo alle ore 18,30.
Slittamento anche per il big match Pescara-Sassuolo, che si giocherà sabato 3 marzo alle 15,00 anziché lunedì 5 alle ore 20,45.
La neve caduta sul centro Italia negli ultimi 2 fine settimana, dunque, ha rivoluzionato il calendario anche dei biancazzurri, che dovranno recuperare 2 gare allo stadio Adriatico.
Intanto in settimana a giudicare negativamente il doppio stop forzato dei biancazzurri ci ha pensato Damiano Zanon: «per noi i rinvii non sono stati certo un bene... venivamo da 6 vittorie di fila e volevamo continuare sulla falsa riga delle ultime settimane. In ogni caso non abbiamo affatto staccato la spina, ma abbiamo continuato a lavorare duramente nonostante lo stop del nostro campionato e la neve».
«Stiamo lottando per qualcosa di davvero importante» – conclude il terzino biancazzurro – «ma vogliamo guardare sempre partita per partita. Non dobbiamo affatto montarci la testa».
I giocatori infine, anche se fra mille difficoltà a causa della neve, proseguono la preparazione in vista della ripresa del campionato. Ieri allenamento al campo Zanni. Tutti a disposizione del tecnico eccezion fatta Brosco, che dovrà star fermo per almeno un mese per una microfrattura da stress al livello della diafisi femorale. Oggi doppia seduta, mattina a Zanni e pomeriggio ritorno al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo.
Andrea Sacchini