CALCIO

Delfino Pescara. Zeman: «siamo primi ma manca ancora tanto...»

I biancazzurri subito al lavoro in vista della Reggina

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3501

Delfino Pescara. Zeman: «siamo primi ma manca ancora tanto...»
PESCARA. Niente riposo per i biancazzurri che ieri sono tornati subito a lavorare al Poggio degli Ulivi.

 Il clima gelido che ha avvolto l'Italia nelle ultime ore non ha risparmiato il centro sportivo di Città Sant'Angelo, ma dopo la vittoria sofferta per 2-1 ottenuta a Crotone l'atmosfera e l'entusiasmo sono tutt'altro che freddi. In terra calabra gli uomini di Zdenek Zeman hanno ottenuto la sesta vittoria consecutiva e con la Reggina, sabato all'Adriatico, ci sono tutte le intenzioni di prolungare a sette la striscia di meraviglie di fila, cosa mai accaduta nella storia del Pescara.L'entusiasmo è alle stelle e la piazza inizia lentamente ma inesorabilmente ad accendersi. Lo dimostrano gli oltre 150 tifosi che a notte fonda hanno abbracciato e salutato i giocatori ed il mister all'aeroporto al ritorno dalla trasferta di Crotone.

La strada che porta alla serie A è ancora lunga ma la classifica e soprattutto la forza e la compattezza della squadra invitano all'ottimismo, perché sì il sogno serie A è possibile.

Dopo cinque affermazioni consecutive convincenti per gioco e velocità di manovra, la squadra a Crotone ha trovato parecchie difficoltà al cospetto di una formazione chiusa in difesa e molto abile nelle ripartenze. Il Pescara pur non brillando ha comunque riportato in Abruzzo 3 punti di grande valore per la classifica, ma del match col Crotone di positivo non c'è stato soltanto il risultato. Va sottolineata infatti la grande prova caratteriale dell'undici di Zeman che tra tante difficoltà, il gol subito in un campo difficile senza dimenticare gli infortuni pesanti di Nielsen ed Insigne, ha saputo stringere i denti dimostrando di saper vincere anche non giocando un buon calcio.

 ZDENEK ZEMAN SUL SUCCESSO DI CROTONE

 «Non abbiamo fatto una buona prestazione ed il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto» – racconta Zdenek Zeman comunque contento per i 3 punti riportati in riva all'Adriatico – «ma la squadra ha dimostrato carattere giocando fino alla fine per la vittoria. Nel secondo tempo abbiamo un po' sofferto dopo aver iniziato bene nel primo tempo, poi l'infortunio di Nielsen ci ha un po' danneggiati a centrocampo».

La vittoria col Crotone ha proiettato i biancazzurri solitari in testa alla classifica: «essere primi ora non conta nulla, conta alla fine, c'è ancora tanto da fare e da giocare. In questo momento ci sono 5 squadre che si giocheranno il primo posto fino alla fine. Chi sta meglio alla fine andrà direttamente in serie A. La speranza è che in primavera, con campi migliori, il Pescara possa giocare il meglio possibile». In serie A hanno sospeso per neve 4 partite sulle 10 in programma (a rischio anche Novara-Chievo di stasera, ndr) ed anche il weekend sarà “freddissimo” da questo punto di vista: «in certi periodi non si dovrebbe giocare di sera. Noi però dobbiamo scendere in campo...».

Sabato all'Adriatico c'è Pescara-Reggina con lievissimo rischio di rinvio. Proprio a tal proposito nelle prossime ore operai del comune provvederanno a coprire il manto dell'Adriatico con i teloni. L'obiettivo, anche se le ultime dal meteo non sembrano indicare pesanti precipitazioni nevose su Pescara, è quello di ridurre al minimo il rischio di rinvio della gara con la Reggina.

 NOTIZIARIO

 La squadra ha ripreso subito ieri pomeriggio gli allenamenti in vista della partita con la Reggina. Hanno lavorato col gruppo Martin ed il neo acquisto Caprari, mentre il giudice sportivo non ha squalificato giocatori del Pescara.

Intanto per Nielsen, uscito dopo un brutto fallo del crotonese Loviso nel corso del primo tempo, buone notizie perché secondo i primi esami il giocatore non avrebbe subito fratture al piede. Nelle prossime ore ulteriori esami strumentali chiariranno entità dell'infortunio e tempi di recupero. Il centrocampista danese ad ogni modo dovrà osservare almeno una decina di giorni di riposo. Una perdita importante, seppur contenuta nei tempi, perché Nielsen in queste 3 partite aveva garantito ottimamente corsa, qualità e quantità risultando una valida alternativa nel centrocampo a 3 zemaniano. Oggi doppia seduta di allenamento sempre al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo.

 Andrea Sacchini