Football americano: per la prima volta i Crabs incontrano squadra Usa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2442



MONTESILVANO. Oggi, sabato 13 maggio la squadra di football americano pescarese incontra gli americani del Northwestern College di Orange City.
La partita si svolgerà nello Stadio Speziale di Montesilvano, in via Ugo Foscolo, ed il fischio d'inizio è previsto per le 14.45.
La società pescarese tuttavia non nasconde la propria delusione per non aver trovato un campo disponibile nella “città dello sport”.
Da mesi si era fatta richiesta del campo Flacco a Pescara occupato per la partita di beneficenza dei consiglieri comunali.
Per quanto riguarda l'incontro si tratta di un confronto con il risultato già scritto ma anche di un vero evento nel genere, istruttivo per chi ci partecipa ed altamente spettacolare per chi assiste dagli spalti.
Non è facile vedere all'opera, in Italia, gli americani, inventori di questo duro sport di contatto, le squadre Usa vengono raramente e per l'Abruzzo è la prima volta in assoluto, così come i Crabs saranno la prima squadra abruzzese ad affrontare un team statunitense.
Il Red Raider Football del Northwestern College, ospitato nella cittadina di Orange City nell'Iowa, è una squadra di elite nella NAIA (National Association di Intercollegiate Athletics) da almeno quarant'anni.
Dal 1968 hanno avuto solo due stagioni perdenti ed hanno guadagnato l'ingresso ai play off ben 15 volte vincendo il titolo nazionale nel 1973 e nel 1983.
Il programma del Northwestern dal 2000 si classifica al nono posto nella apposita classifica NAIA per qualità e risultati, con tre partecipazioni alle finali.
La sua è una tradizione di eccellenza, sia nel campo, con ben 88 All-Americans (selezione dei migliori giocatori della Nazione), che fuori dal campo, con 45 Academic All-Americans, cioè giocatori che si sono particolarmente distinti negli studi universitari. Il college ha anche una buonissima tradizione per i programmi scolastici molto curati anche per chi pratica sport a livello agonistico.
I Crabs hanno preparato bene la partita ma il divario non è colmabile.
«Fare esperienza con gli americani è un'occasione, forse unica, per gli atleti pescaresi che
ne usciranno sicuramente migliorati dal punto di vista tecnico e di mentalità agonistica», ha spiegato il presidente, Pierluigi Bacceli, che parla di «un grande evento non soltanto sportivo ma anche culturale».
«Allacciare rapporti con team dall'altra parte dell'Atlantico è il sogno di tutte le squadre di football americano, l'esperienza potrà sicuramente essere ripetuta negli anni futuri ampliandone i contenuti sia sportivi che culturali. Sarà possibile organizzare insieme scambi per la conoscenza ed il perfezionamento delle lingue oltre all'attività sportiva.
Sarà possibile organizzare stage, a livello nazionale, con allenatori e giocatori made in Usa. Ospitare nel nostro Paese cinquanta giovani americani, fargli conoscere ed apprezzare la bellezza della nostra natura e la bontà dei nostri prodotti tipici è un grande servizio che facciamo alla nostra regione, non so quante società possono farlo, ma
purtroppo c'è ancora chi non lo capisce ed abbiamo avuto difficoltà a trovare un campo.
Anzi permettetemi di ringraziare il sindaco ed il Comune di Montesilvano per l'ospitalità».
15/05/2010 9.20