Torna a Roseto il torneo internazionale di calcio giovanile

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5198

ROSETO. E' stata presentata oggi, nella Sala del Consiglio Comunale di Roseto degli Abruzzi, la 14^ Edizione del torneo internazionale di calcio giovanile "Spiagge d'Abruzzo Cup".



La manifestazione si svolgerà dal 29 aprile al 2 maggio 2010, ed è organizzata dalla A.S. Roseto Calcio e ha ricevuto la Coppa d'Argento del Presidente della Repubblica per il 10° anno consecutivo.
L'edizione 2010 prevede la disputa di circa 228 gare nei campi di Città Sant'Angelo, Cologna Spiaggia, Cologna Paese, Morro D'Oro, Roseto degli Abruzzi, Scerne di Pineto, coinvolgendo circa 2.000 piccoli calciatori, suddivisi in 90 squadre per le categorie Allievi (16-17 anni, 6 squadre), Giovanissimi (14-15 anni, 20 squadre), Esordienti (13 anni, 24 squadre), Esordienti 12 anni, 16 squadre), Pulcini (10-11 anni, 24 squadre).
Le squadre partecipanti, oltre che da tutte le regioni d'Italia, provengono anche dagli stati esteri di Belgio, Finlandia, Lettonia e addirittura dal Guatemala (Deportivo J. L. Inter).
Una manifestazione dai grandi numeri, che impegna 35 arbitri e 70 persone di organizzazione e che porterà circa 2.000 presenze in 4 giorni, per un totale di 8.000 giorni presenza, dislocati in 31 hotels della costa (2 a Tortoreto, 2 a Giulianova, 2 a Silvi, 5 a Pineto e 20 a Roseto degli Abruzzi).
La novità assoluta dell'edizione 2010 è l'istituzione della "Green Card", un cartellino simbolico che premierà quanti si renderanno protagonisti di gesti particolarmente significativi sotto l'aspetto della sportività e del fair-play. Durante la premiazione, che avverrà il 2 maggio 2010, il Sindaco di Roseto degli Abruzzi, Franco Di Bonaventura, consegnerà al vincitore una osa d'Argento per il fair-play.
Le finali si svolgeranno domenica 2 maggio 2010 allo stadio di Fonte dell'Olmo di Roseto degli Abruzzi, con premiazione delle squadre a partire dalle ore 12.30. Le quattro finali, così come le gare di semifinale, saranno disputate con triangolari, nell'ottica di dare una formula meno traumatica di eliminazione e nello spirito della manifestazione. Nell'ottica poi di dare più opportunità di gioco, sono state istituite delle gare amichevoli tra le squadre non qualificate.
In merito, il presidente dell'A.S. Roseto Calcio, Camillo Cerasi, ha spiegato che «dopo l'edizione del 2009, che ci rimarrà nel cuore in modo particolare perché legata indissolubilmente ai fatti del terremoto di L'Aquila, abbiamo voluto organizzare una edizione 2010 che fosse un omaggio ai più puri ed alti valori positivi dello sport. Per questo abbiamo ridotto il numero di squadre, pensato alla Green Card e cioè ad un premio per il fair-play, voluto i triangolari in finale e le amichevoli fra squadre non qualificate per far giocare tutti quanto più possibile, facendoli divertire mentre apprezzano il nostro ospitale territorio».
L'assessore allo Sport della città di Pineto, Alberto Dell'Orletta, ha chiarito invece che «i valori dello sport, quelli positivi e puri, sono pienamente promossi da questo torneo e noi crediamo che il grande e positivo clima che si crea nel torneo sia una delle cose più preziose che contribuiscono a far amare il nostro territorio agli atleti e alle loro famiglie."
Per il sindaco Franco Di Bonaventura «una manifestazione di livello internazionale giunta alla 14^ edizione è ormai parte storica della nostra giovane città, che quest'anno festeggia 150 anni. Abbiamo fortemente voluto l'istituzione della Rosa d'Argento per il fair-play e condividiamo ogni sforzo fatto dagli organizzatori per portare avanti i valori positivi e puri dello sport».

26/04/2010 16.01