Buon Pescara ma il big match di Verona termina soltanto 0-0

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3461



PESCARA. Tante emozioni ma la sfida promozione tra Verona e Pescara allo stadio Bentegodi termina soltanto 0-0. Risultato che, a conti fatti, va stretto al Pescara che avrebbe meritato miglior sorte per gioco ed azioni da gol create soprattutto nel primo tempo.
Bravi i biancazzurri in fase di non possesso palla nel coprire ogni varco alle ripartenze gialloblù. Nelle uniche indecisioni della retroguardia pescarese è stato decisivo Pinna, che ha risolto almeno un paio di situazioni pericolose. Buon Pescara anche in fase offensiva, con la costante ricerca della profondità palla a terra verso le punte Ganci e Sansovini.
Tanti però i rimpianti per le occasioni da gol create e non sfruttate, clamorosa quella di Sansovini a metà primo tempo, e per la rete annullata nel finale del match a Zizzari per un fallo veniale di quest'ultimo in area di rigore.
In ogni caso la squadra ha dato piena dimostrazione di avere carattere, imponendo il proprio ritmo di gioco e mettendo seriamente in difficoltà quella che, secondo tutti, proprio insieme ai biancazzurri è la favorita numero uno alla vittoria del torneo.
Avvio di chiara marca ospite. Al decimo la prima occasione del match capita tra i piedi di Ganci che di prima, su buon assist di Zanon, conclude debole. Un minuto dopo l'occasione più ghiotta per il Pescara non viene sfruttata da Sansovini, che a tu per tu con Rafael si lascia ipnotizzare da quest'ultimo.
Il Verona si fa vivo soltanto al 26esimo con un diagonale insidioso di Berrettoni di poco sul fondo. Al 36esimo tiro-cross insidioso nel mezzo dalla destra di Di Gennaro che non trova nessun compagno pronto alla battuta a rete. Due minuti più tardi tocca a Pinna salvare la propria porta in uscita a tu per tu proprio con Di Gennaro.
Nella ripresa al sesto Pescara nuovamente in avanti con Mengoni che di testa, sugli sviluppi di un corner, manda la sfera abbondantemente alta. Al 12esimo, ancora su corner, girata di poco imprecisa di Soddimo. Al 43esimo l'episodio che avrebbe potuto cambiare la storia del match con la rete annullata a Zizzari per presunto fallo su di un difensore scaligero.
Tutto rimandato dunque alle ultime 5 giornate nelle quali il Verona sulla carta, pur conservando ancora 2 lunghezze di vantaggio sui biancazzurri, possiede un calendario decisamente più complicato. In lotta per la promozione diretta anche il Portogruaro, vincente a tempo quasi scaduto a Taranto, che proprio nell'ultimo turno di campionato affronterà il Verona in trasferta.
Incidenti al termine della partita Verona-Pescara con quattro sostenitori biancazzurri feriti e tre fermati dalle forze dell'ordine.

Andrea Sacchini 12/04/2010 9.42