Delfino Pescara. Petterini: «credo ancora al primo posto»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4796



PESCARA. Il Pescara riprenderà questo pomeriggio gli allenamenti in vista del match di sabato prossimo all'Adriatico contro il Cosenza. La squadra, che ieri insieme a tutta la prima divisione ha osservato l'ultimo turno di riposo del campionato, è in grande salute come ha dimostrato la vittoriosa amichevole di due giorni fa a Loreto contro il Foligno.
Per sabato formazione quasi fatta per il tecnico Di Francesco, che dovrà sciogliere soltanto l'ultimo dubbio che riguarda il ruolo di terzino destro date le indisponibilità per infortunio e squalifica di D'Alterio e Zanon.
«Stiamo attraversando un ottimo momento di forma e siamo reduci da 2 risultati importanti» – racconta a PrimaDaNoi.it Filippo Petterini – «purtroppo il Verona è a 5 punti da noi, ma ci crediamo fino alla fine. A Taranto abbiamo dato dimostrazione di essere una grande squadra. Le partite ora sono sempre di meno ed i punti sono sempre più pesanti».
«È stato importante il fatto di non prendere gol da due partite» – prosegue il difensore di fascia biancazzurro – «poi è chiaro che siamo stati più concreti sotto porta. Ripeto è importante non prendere gol».
Proprio in settimana il Pescara ha affrontato in amichevole il Foligno, ex squadra di Petterini: «sicuramente è stata un'emozione particolare per me, anche se era soltanto un incontro amichevole. È stato bello incontrare nuovamente tutti in una piazza che mi ha dato tanto. Ho passato 4 anni splendidi a Foligno, dove abbiamo ottenuto per merito di tutti i migliori risultati della storia del club».
Dopo una prima fase di difficoltà, Petterini nelle ultime settimane è stato uno dei migliori: «all'inizio è stato difficile perché eravamo tutti giocatori nuovi. Non è facile anche se la squadra è stata costruita per vincere. Siamo a 5 punti dal Verona e comunque abbiamo sempre fatto un campionato di vertice».
«Credo ancora al primo posto» – conclude il difensore del Pescara – «anche perché dovremo andare a giocare là tra un paio di settimane. Inoltre sabato il Verona sarà impegnato sul difficile campo del Marcianise mentre noi in casa abbiamo la ghiotta occasione di fare nostra l'intera posta in palio».

Andrea Sacchini 29/03/2010 10.47