Delfino Pescara. Capitan Olivi: «noi alla pari del Verona»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4027



PESCARA. Va avanti la preparazione del Pescara in vista dell'importante trasferta di domenica a Reggio Emilia.
Per l'occasione Cuccureddu potrebbe affidarsi ad un undici nuovo rispetto l'ultima mediocre prestazione di lunedì scorso col Verona.
Dal primo minuto potrebbero trovare spazio Sansovini ma soprattutto Verratti.
In questo caso il modulo, dal classico 4-4-2 lineare, passerebbe al rombo di centrocampo con Dettori regista arretrato e Verratti dietro le due punte.
Probabilmente alla fine Cuccureddu confermerà la stessa formazione delle ultime domeniche, ma è fuori di dubbio che occorre una scossa soprattutto a metà campo.
Nelle ultime giornate i biancazzurri dal centrocampo in su hanno prodotto pochissime palle giocabili per le punte.
Con il Verona in particolare Zizzari è stato costretto a sgomitare con gli alti centrali scaligeri sui lunghi lanci dalle retrovie, mentre Ganci più volte ha arretrato il suo raggio d'azione per cercare palle basse e giocabili.
Oltre a ciò ultimamente gli esterni alti, in calo anche di condizione fisica, non riescono a garantire la stessa qualità ed intensità in fase difensiva e offensiva.
Bonanni in particolare, dopo un inizio incoraggiante, appare ora in visibile ritardo di condizione rispetto ai compagni.
Il sistema di gioco del Pescara, tutt'altro che congeniale agli attaccanti, è inutile girarci intorno fin'ora ha fortemente deluso.
In assenza di un regista capace di dettare i tempi della manovra, a questo punto appare indispensabile almeno provare dal primo minuto il genio di Marco Verratti. L'unico giocatore in rosa capace di puntare l'avversario e creare superiorità numerica.
Anche se col Verona in fase offensiva il Pescara ha prodotto poco o nulla, in difesa i biancazzurri non hanno rischiato più di tanto merito dell'esperienza e della qualità del capitano, Samuele Olivi: «avevamo di fronte un'ottima squadra ma abbiamo dimostrato di essere forti almeno quanto loro.
Il Verona ha creato poco o nulla tranne un'occasione nel primo tempo con Colombo. Abbiamo fatto la gara che dovevamo fare.
«Il Verona non mi ha impressionato ma sono rimasto sorpreso dal loro atteggiamento» – conclude il difensore biancazzurro – «in settimana abbiamo visto le loro immagini e fin'ora ha sempre dimostrato di essere una squadra fortissima dal centrocampo in su. Con noi al contrario hanno badato più alla difesa».

Andrea Sacchini 19/11/2009 12.03