Italia-Olanda allo stadio Adriatico di Pescara il 14 novembre

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8291


ROMA. Sarà lo stadio Adriatico di Pescara la sede di una delle amichevoli precampionato dell'Italia in preparazione dei mondiali di Sud Africa 2010. L'appuntamento è per sabato 14 novembre alle 20.50 quando la nazionale guidata da Marcello Lippi affronterà l'Olanda di Bert van Marwijk.
Sfida suggestiva che vedrà di fronte i campioni del mondo tra i quali Buffon, Cannavaro, Pirlo e Gattuso ad una delle selezioni più forti del panorama mondiale: gli arancioni nelle cui fila militano elementi di valore assoluto come di Van Persie, Robben, Sneijder e la giovane stellina dell'Amburgo Elijero Elia.
L'annuncio ufficiale è stato dato ieri dal presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete, che aveva comunque anticipato il tutto il 31 agosto scorso quando partecipò alla presentazione dei calendari regionali. All'epoca, però, non era stata ufficializzata come sede l'Adriatico.
Il sindaco della città di Pescara, Luigi Albore Mascia, nelle scorse settimane aveva inviato una lettera ad Abete per chiedere la disputa dell'amichevole nell'impianto cittadino ristrutturato in occasione degli ultimi Giochi del Mediterraneo.
L'Italia dunque torna in Abruzzo e sarà l'occasione ideale anche per raccogliere importanti fondi da destinare alla solidarietà. L'intero incasso della partita, infatti, verrà devoluto alle popolazioni terremotate.
La nazionale azzurra ha già giocato diverse partite allo stadio Adriatico di Pescara. L'ultima nel novembre 2002 quando l'Italia di Trapattoni pareggiò 1-1 con la Turchia.
Per l'Abruzzo la Figc aveva già devoluto l'incasso della partita Italia-Bulgaria delle ultime qualificazioni ai mondiali disputata a Torino.
Nell'ambito di un programma di finanziamento per la ristrutturazione e la riapertura degli stadi danneggiati dal sisma, la Figc da mesi opera sul territorio in collaborazione con il proprio comitato regionale e le amministrazioni comunali. Verranno utilizzati per il pieno recupero di alcuni stadi anche i fondi messi a disposizione dalla Uefa.

Andrea Sacchini 15/10/2009 8.29