Coppa Italia. All'Adriatico la Pro Vasto supera il Pescara ai rigori

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3043



PESCARA. La Pro Vasto supera 10-9 il Pescara ai calci di rigore ed accede al secondo turno di Coppa Italia Lega Pro. I due tempi supplementari, ai quali il pubblico presente avrebbe volentieri fatto a meno, si erano chiusi sul risultato di 1-1. Entrambe le reti nel primo tempo regolamentare. Al sesto vantaggio biancorosso con Dimatera e pareggio di Carboni alla mezz'ora.
Ai punti il Pescara avrebbe certamente meritato miglior fortuna ma alla Pro Vasto va dato atto di aver condotto una gara ordinata senza sbavature.
Gara piacevole nel primo tempo con i vastesi abili a chiudere ogni varco e ripartire con veloci contropiedi. Nella ripresa meglio il Pescara per possesso palla, trame di gioco ed azioni da gol da create. Nei tempi supplementari incontro sostanzialmente equilibrato, con i biancazzurri però che hanno recriminato per due reti annullate per posizione di fuorigioco.
Entrambi gli allenatori come nelle previsioni hanno operato un vasto turnover. Pur non snobbando la competizione, sia Cuccureddu sia Di Meo hanno concesso spazio a coloro poco impiegati fino ad ora in campionato. Il tecnico pescarese, tra le tante indicazioni positive, ha avuto modo di provare nel corso della contesa il modulo 4-2-3-1 ed il più offensivo 4-3-1-2.
Avvio di gara di chiara marca vastese. Al terzo conclusione dalla distanza di Suriano che termina alta. Al sesto Pro Vasto in vantaggio con Dimatera in spaccata su preciso suggerimento dalla sinistra di Fiore. Nell'occasione gravissimo errore di Petterini che ha lisciato clamorosamente il pallone.
Al 20esimo nuovo pericolo dalle parti di Prisco con un calcio di punizione dai 25 metri di Cacciaglia che termina alto.
Al 28esimo per il Pescara sale in cattedra il genio di Verratti, che riceve palla nella propria metà campo e dopo un'azione personale straordinaria viene fermato al limite dell'area. Sul conseguente calcio di punizione Coletti centra in pieno la barriera.
Il Pescara si scuote e Coletti alla mezz'ora dalla distanza esalta i riflessi di Sassanelli che si rifugia in angolo.
Un minuto dopo i biancazzurri pareggiano il conto delle reti. Traversone potente dalla sinistra di Matarazzo, incertezza di Sassanelli che lascia passare il pallone ed inserimento vincente di Carboni da destra. È il miglior momento del Pescara che sfiora il vantaggio in altre due occasioni prima del riposo. Al 32esimo con una botta dalla distanza poco alta di Matarazzo ed al 37esimo con un colpo di testa di un niente sul fondo di Artistico su pregevole suggerimento di Petterini.
Ripresa a ritmi blandi. Al nono conclusione alta di molto di Petterini. Al quarto d'ora Carboni dai 20 metri conclude potente ma centrale tra le braccia di Sassanelli.
Al 21esimo Zappacosta riceve palla appena fuori area e conclude a rete di prima intenzione con l'estremo difensore vastese che si rifugia in angolo di pugno con qualche difficoltà.
Occasione per i padroni di casa al 36esimo con un altro tiro da fuori di Coletti con nuova respinta in corner di Sassanelli. Un minuto prima del 90esimo testa di Ganci di poco a lato.
Nei tempi supplementari si vede poco o nulla tranne la voglia di entrambe le squadre di terminare al più presto l'incontro. Negli ultimi 15 minuti si segnala una rete ingiustamente annullata ad Artistico a causa di una grave svista del guardalinee Vanessa Maruccia.
Nell'interminabile serie di calci di rigore gol per il Pescara di Ganci, Artistico, Zappacosta, Verratti, Vitale, Zanon, Romito e Sembroni. Errori decisivi di Coletti e Marinelli.
Nella Pro Vasto reti di Avantaggiato, Dimatera, Ludovisi, Cioffi, Della Penna, Digno, Servi, Ciotti e Maccarone. Penalty parato da Prisco invece su Suriano.
Nel Pescara Cuccureddu dal primo minuto si è affidato al modulo 4-2-3-1. Prisco tra i pali. Linea difensiva a quattro formata da Sembroni e Romito centrali, Zanon a destra e Petterini sull'out di sinistra. A centrocampo duo di mediani composto da Coletti e Zappacosta. In avanti il terzetto Matarazzo, Carboni e Verratti a supporto dell'unico terminale offensivo Artistico. A match in corso hanno fatto il loro ingresso in campo Vitale, Marinelli e Ganci.
Modulo speculare per la Pro Vasto di Di Meo che si è schierata con Sassanelli, Della Penna, Bombara, Servi, Ciotti, Cacciaglia, Fiore, Avantaggiato, Ludovisi, Suriano e Dimatera. Nel corso della partita sono entrati Maccarone, Cioffi e Digno.
Ha diretto l'incontro Borracci della sezione di San Benedetto del Tronto davanti a 2.004 spettatori paganti.
La Pro Vasto nel secondo turno affronterà il Benevento.
Archiviato il primo turno di Coppa Italia l'attenzione di entrambe le squadre torna al campionato. Domenica il Pescara sarà impegnato a Portogruaro, mentre la Pro Vasto sarà ospite del Fano.

Andrea Sacchini 08/10/2009 7.41