Delfino Pescara. Carboni: «sempre pronto a dare il mio contributo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2214



PESCARA. Proseguono gli allenamenti per il Pescara in vista del terzo derby consecutivo domenica al Fadini col Giulianova. Per l'occasione, a meno di sorprese, Cuccureddu dovrebbe confermare lo stesso undici degli ultimi due turni di campionato. L'unica novità potrebbe essere il ritorno nell'undici iniziale di Zizzari in luogo di Artistico
Il campionato è soltanto all'inizio ed ancora si definiscono le compagini che lotteranno fino alla fine per la vittoria del torneo o per un posto nei play-off. Delle “grandi” soltanto la Ternana ha fatto bottino pieno nelle prime 4 gare mentre il Verona è un po' quella che ha deluso di più.
Il campionato, per la qualità tecnica delle squadre, è sulla carta equilibrato e diverse compagini possono ambire ad un piazzamento play-off o addirittura al primo posto.
Con squalifiche ed infortuni dietro l'angolo da qui a giugno avranno importanza sempre maggiore le cosiddette seconde linee. Il Pescara sulla carta, con elementi in panchina del calibro di Prisco, Zanon, Vitale, Coletti, Carboni, Ganci, Verratti e Zizzari, senza ombra di dubbio possiede l'organico più completo della categoria.
Uno dei biancazzurri che fino ad ora ha trovato poco spazio dal primo minuto, Salvatore Carboni, conosce l'importanza di avere elementi utili in panchina capaci di rimpiazzare i “titolari”: «in campionato l'occasione arriva per tutti prima o poi. Fisicamente sto bene e con pazienza aspetto quando sarà il mio turno. Io sono pronto a dare il mio contributo. Certo a tutti piacerebbe giocare sempre. Per questo il mio obiettivo è quello di mettere in crisi l'allenatore nelle sue scelte».
Carboni, dopo un buon precampionato con la maglia del Pescara, fino ad ora in prima divisione non è ancora stato utilizzato dal tecnico Cuccureddu dall'inizio: «ho cominciato bene la stagione col Pescara realizzando tra l'altro una doppietta in Coppa Italia con il Fano. Devo restare tranquillo ed aspettare il mio turno».
Fino ad ora il Pescara non è stato fortunato a Cava de' Tirreni e Lanciano: «è inutile nasconderci. Soprattutto se si vogliono vincere i campionati la componente fortuna è fondamentale. Noi fino ad ora non siamo stati molto fortunati ma abbiamo tutte le carte in regola di disputare un ottimo torneo».
Domenica il Pescara affronterà al Fadini il Giulianova. Il match si preannuncia ostico non soltanto per le qualità dei giuliesi: «la difficoltà maggiore certamente sarà il terreno di gioco. È piccolo e gli scontri in campo saranno più frequenti. Il nostro obiettivo è far bene ripartendo dal buon secondo tempo con la Valle del Giovenco. Al Fadini sarà una battaglia come del resto tutte le giornate da qui alla fine del campionato».

Andrea Sacchini 17/09/2009 8.31