Avezzano Rugby. Capitan Babbo a PrimaDaNoi.it:«l'inizio è positivo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1888



AVEZZANO. Prosegue la preparazione dell'Avezzano Rugby in vista dell'esordio di campionato del 4 ottobre prossimo sul campo dell'Asd Cus Roma, compagine già battuta in amichevole qualche giorno fa.
Il tecnico Santucci, per quella data, spera di poter recuperare a pieno dall'infermeria almeno qualcuno tra Guanciale, Iacutone, Sisso, Passalacqua, De Simone, Rodorigo, Berardi, Ciofini e Di Marco.
I gialloneri comunque, malgrado la lunga lista di indisponibili, fino ad ora hanno ben impressionato nel precampionato ottenendo due vittorie su due. Una di queste in particolare ottenuta contro un avversario di categoria superiore. Al di là del risultato comunque i ragazzi di Santucci si sono fatti apprezzare per freschezza atletica, schemi di gioco collaudati e grinta da vendere.
Le impressioni alla vigilia del campionato sono buone come conferma a PrimaDaNoi.it Maurizio Babbo, capitano del quindici marsicano: «le sensazioni sono positive, siamo una squadra giovane con parecchi ragazzi nuovi. Se devo essere sincero non mi aspettavo un inizio così positivo. Siamo fiduciosi anche perché fino ad ora abbiamo vinto due gare su due anche con una compagine di serie A».
«Oltre al risultato» – prosegue l'utility back – «abbiamo giocato bene. Certo abbiamo commesso alcuni errori ma possono starci nel corso di una partita, soprattutto se siamo ancora ad inizio stagione. L'importante comunque è sempre vincere e ci siamo riusciti».
Il primo avversario in campionato sarà il Cus Roma, la stessa formazione affrontata e superata in questo precampionato. La gara però sarà completamente diversa sia per motivazioni e sia perché i laziali giocarono contro la Ludom Avezzano in formazione largamente rimaneggiata: «conosco diversi giocatori della Roma e in quell'occasione molti di loro non disputarono la partita. Giochiamo fuori casa e questo può essere uno svantaggio ma non abbiamo paura anche perché da diversi anni concludiamo il campionato in posizione di alta classifica. Dobbiamo lottare per vincere».
Dopo due anni passati tra il centro ed il nord Italia i gialloneri sono stati inseriti nel girone D della serie B. Chi ha già giocato sui campi caldi del sud, come capitan Babbo, conosce le difficoltà ambientali che lì si possono trovare: «sicuramente il D è un girone un po' più duro a livello mentale. Le squadre del sud sono più arcigne e ci sarà da lottare. Per questo penso proprio che ci troveremo bene».
«Ogni campionato è difficile» – conclude Babbo – «e noi abbiamo tutte le caratteristiche per ben figurare. Il nostro punto di forza è senza dubbio la velocità. Non siamo mai stati una squadra pesantissima e nel tempo abbiamo sempre convinto per la velocità».

Andrea Sacchini 15/09/2009 8.30