Pallavolo Pineto in A1: ecco le motivazioni dell’Alta corte

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2586



PALLAVOLO. PINETO. Nei giorni scorsi la notizia della vittoria del pallavolo Pineto in un importante ricorso circa l'iscrizione al campionato. Oggi pubblichiamo le motivazioni integrali.
Significativo è il passaggio in cui l'Alta Corte trancia ogni dubbio sulla interpretazione del Regolamento: la garanzia prestata dal Pineto è rimasta integra e dunque non è stato violato in alcun modo il Regolamento nella parte in cui prescrive la reintegrazione della fidejussione prestata solo nel caso in cui essa sia stata effettivamente incisa.
Quanto al supposto pregiudizio degli equilibri finanziari la Corte ha sottolineato che non è stata data da parte della Commissione alcuna prova in ordine alla negativa capienza, attuale e futura, della società ricorrente.
Conseguentemente l'Alta Corte ha ordinato l'iscrizione della Pallavolo Pineto Dilettantistica nel Campionato di Serie A1 Maschile.
Essendo stati impugnati tutti gli atti a partire dal Verbale della Commissione del 13 luglio, sin da allora la Pallavolo Pineto va ritenuta ammessa al Campionato come il responso del campo ha suggellato: alla Pallavolo Pineto compete il 12 posto delle squadre di A1 e non altro.
«Certo», commentano dalla squadra, «rimane l'amarezza per il tanto tempo perso e per le tante opportunità sfumate (ivi compresa la possibilità di conferma di tanti atleti che sono andati via): ma di questo ora non vogliamo parlare. Ci rimbocchiamo le maniche come abbiamo già fatto e, come sempre, daremo il massimo perché l'Abruzzo non esca dall'élite della Pallavolo».
Infine la Pallavolo Pineto esprime «un sentito ringraziamento agli oltre tremila firmatari della lettera di sostegno proposta dal capitano Marco Mancini e ai tantissimi appassionati da tutto il mondo che hanno inviato biglietti, email, fax, telegrammi ecc. per sostenerci in quella che può dirsi senza enfasi una vittoria trionfale».

11/09/2009 13.12