Delfino Pescara. Il Dg Lucchesi: «budget sforato ma Sansovini era prima scelta»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4102

Delfino Pescara. Il Dg Lucchesi: «budget sforato ma Sansovini era prima scelta»

PESCARA. Chiuso il mercato è tempo di bilanci in casa Pescara. L'acquisto di Sansovini, concluso al fotofinish, ha alzato ulteriormente il livello tecnico già eccelso della rosa a disposizione di Cuccureddu. Organico che, con la presenza tra i tanti di elementi di categoria superiore come Dettori, Gessa, Olivi, Bonanni, Tognozzi, Artistico e appunto Sansovini, ha tutte le carte in regola per lottare alla pari con il Verona, la diretta concorrente del Pescara per la vittoria del campionato.
Buona parte del merito va attribuito al Dg Fabrizio Lucchesi, messo dalla proprietà nelle condizioni di operare al meglio, visibilmente soddisfatto delle operazioni di mercato concluse in queste settimane: «la proprietà è andata ben oltre le proprie possibilità. Il budget per il mercato era già stato superato prima dell'arrivo in biancazzurro di Sansovini».
L'ingaggio del bomber del Grosseto è stato il fiore all'occhiello di una campagna acquisti mirata alla promozione diretta in serie B: «il progetto per salire di categoria è biennale ma è sotto gli occhi di tutti la volontà della dirigenza di arrivare in B subito. La rosa era quasi completa, ci mancava soltanto qualcosa nel reparto offensivo».
Il Direttore Generale, a tal proposito, illustra la trattativa che ha riportato in biancazzurro Marco Sansovini: «è stata dura, nessuno si sarebbe aspettato tempi così lunghi. Abbiamo portato a termine l'acquisto negli ultimi 4 minuti del mercato, praticamente abbiamo firmato il contratto in ascensore».
Con il passare delle settimane tanti attaccanti sono stati accostati al delfino. Lucchesi chiarisce questo punto: «fin da subito era nostra intenzione acquistare Sansovini, era la nostra prima scelta. Nel frattempo abbiamo percorso altre strade per evitare il rischio di restare alla fine a mani vuote. I nomi che circolavano sono più o meno quelli citati dai giornali. Sansovini però era la nostra prima scelta, tanto è vero che abbiamo aspettato fino all'ultimo per il suo acquisto».
«L'operazione ad ogni modo» – prosegue Lucchesi – «è stata portata avanti fuori dal mio controllo. Come ho già detto il budget era già stato superato. È stato un lavoro di squadra, per tutto il giorno sono stato collegato telefonicamente con tutti i dirigenti. Alla fine tutto è andato per il meglio.
La trattativa è andata per le lunghe è vero ma non aveva senso acquistare un calciatore tanto per farlo. Occorreva un elemento capace di far fare il salto di qualità ad una rosa già competitiva. Sansovini risponde a questa chiara volontà».
Decisiva per la chiusura felice della trattativa la forte volontà del giocatore di tornare in riva all'Adriatico: «abbiamo fin da subito incontrato la grande disponibilità di Sansovini. Sono felice perché il giocatore ha fortemente voluto Pescara».

DEBORAH CALDORA: «RISPETTATI GLI IMPEGNI CON LA PIAZZA»

Come auspicato dalla tifoseria biancazzurra dunque i nuovi dirigenti, soprattutto con investimenti chiari e mirati, hanno tenuto fede agli impegni come sottolinea il presidente Deborah Caldora: «l'acquisto di Sansovini è la prova che questa società vuole fare le cose per bene. Per vincere tutti sono importanti non soltanto Marco, che sono sicura darà un apporto importantissimo alla squadra. Noi dirigenti abbiamo fatto di tutto per mantenere gli impegni assunti con la piazza».
Proprio il pubblico, sottolinea Deborah Caldora, sarà fondamentale per il proseguo della stagione: «ci sono sempre stati vicini soprattutto nei momenti meno buoni. La città con la campagna abbonamenti ha risposto benissimo. Dico loro di starci ancora vicini perché abbiamo bisogno di loro».
«Un plauso particolare poi» – prosegue il presidente – «va fatto al Dg Fabrizio Lucchesi che con l'ottimo mercato portato avanti ha messo in mostra tutte le sue capacità e qualità. Quanto a noi dirigenti sono contenta che abbiamo creato un gruppo, ulteriore spinta a fare ancora meglio».

Andrea Sacchini 02/09/2009 10.18