Pallanuoto. Nazionale Under 20: conclusi gli allenamenti a Pescara

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4127

PESCARA. Si è da poco concluso il lunghissimo stage di circa tre settimane che la Nazionale Under 20 di pallanuoto ha svolto a Pescara, usufruendo dell'impianto delle Naiadi.

Il coach Amedeo Pomilio ha sottoposto a un lavoro durissimo i suoi ragazzi, in previsione dei campionati europei di categoria che si svolgeranno in Grecia dal 20 al 26 settembre prossimi: due allenamenti al giorno tra piscina e palestra, per un totale di circa 6 ore quotidiane.
«Sì, i ragazzi avevano bisogno di fare un bel carico di lavoro e da questo punto di vista sono soddisfatto per quanto siamo riusciti a produrre a Pescara. Naturalmente ringrazio Le Naiadi per averci messo a disposizione l'intera struttura».
I pallanuotisti che hanno partecipato a questa fase della preparazione sono stati: Alfredo Riccitiello e Gianmaria Montesano (Acquachiara), Pasqualino Turiello e Fabio Ronga (CC Napoli), Fabio Baraldi e Massimiliano Migliaccio (CN Posillipo), Stefano Luongo (Chiavari Nuoto), Giuseppe Valentino (Como Nuoto), Jacopo Mandolini (Latina Pallanuoto), Paolo Oliva (Logtainer Modena), Pietro Congiu (RN Bogliasco), Edoardo Caliogna (RN Camogli), Giacomo Casasola (Roma PN), Marco Del Lungo (SNC Civitavecchia), Claudio Innocenzi, Luca Di Rocco e Simone Pappacena (SS Lazio), Francesco Lo Cascio (SS Nervi), Giacomo Bini (Torino 81) e Alessandro Faiella (US Vis Nova).
In più, Amedeo Pomilio ha aggregato tre ragazzi pescaresi, che si sono aggiunti al gruppo da “esterni” e non proseguiranno immediatamente la loro avventura azzurra; ma sono stati visionati e questa è la testimonianza che a Pescara si può anche ripartire dai giovani per provare a risalire nella pallanuoto che conta. I giovani in questione sono tesserati con la Simply Sport: il portiere Enrico Gobbi (classe 1991), il mancino Andrea D'Aloisio (1989) e Francesco Di Fulvio (1993).
Sulle prospettive della sua nazionale, Pomilio ha detto: «Andremo in Grecia per ottenere un buon risultato, ma in questo momento non so dire con esattezza a cosa possa puntare questa squadra. Ci sono alcune formazioni che hanno qualcosa più di noi, ma l'Italia è a ridosso e darà il massimo, anche per dare un segnale all'ambiente».

01/09/2009 11.49