La Banca Tercas Teramo ingaggia Drake Diener

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3763


BASKET. TEREMO. Primo colpo di mercato della Banca Tercas Teramo, che ingaggia la guardia statunitense Drake Diener con un contratto biennale.

Diener, nato il 19 dicembre 1981 a Fond du Lac, in Wisconsin, si forma nel locale liceo della Goodrich High School, dove viene allenato dal padre Dick (uno dei migliori allenatori a livello di high school negli Stati Uniti). La carriera universitaria lo vede per quattro anni (2001-2005) protagonista a De Paul, affermandosi come uno dei migliori giocatori dei Blue Demons grazie alle qualità di tiratore.
Nella stagione 2006-07 il giocatore approda nella LegaDue italiana, con Castelletto Ticino, risultando uno dei migliori giocatori del campionato con 17 punti, 5 rimbalzi, 2.4 assist e 2.5 recuperi a partita. E' l'inizio di un'ascesa che lo porta l'anno dopo in Serie A, nella Pierrel Capo d'Orlando. La squadra siciliana è la rivelazione della stagione, e Diener il suo principale terminale offensivo: dopo 20 partite da secondo realizzatore della lega con 18.2 punti di media, la Montepaschi lo firma per migliorare un roster già fortissimo, che vince il campionato italiano e arriva alle Final Four di Eurolega: per Diener 9.9 punti, col 56.4% da tre, in 18.7 minuti di impiego in Serie A.
Nel 2008-09 Drake disputa la stagione ad Avellino, partecipando anche in questo caso a campionato italiano ed Eurolega: in Italia ha una media di 10 punti e 5 rimbalzi, cifre confermate, con il fiore all'occhiello del terzo posto nella classifica dei tiratori da tre punti (51.6%), in Europa.
Coach Andrea Capobianco ha espresso grande soddisfazione per la firma dell'atleta: «Per noi è certamente un bel colpo, Diener è un giocatore di spessore, che può essere utilizzato in più ruoli. Ha tra le sue caratteristiche il tiro dalla distanza, la capacità di mettere palla a terra, e soprattutto l'attitudine a giocare di squadra. Lo considero un elemento che può interpretare bene il nostro modo di giocare, che si basa su autonomia e collaborazione: sono convinto che potrà darci una grossa mano».
17/07/2009 12.16