Giro d'Italia. Menchov vince la cronometro e strappa maglia rosa a Di Luca

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1352



RIOMAGGIORE. Denis Menchov ha vinto la XII tappa del Giro d'Italia da Sestri Levante a Riomaggiore e con due minuti rifilati a Danilo Di Luca conquista la maglia rosa di leader. La cronometro terribile di sessanta chilometri, che molti ritenevano una tra le frazioni più dure della corsa, come nelle previsioni ha modificato nel profondo la classifica. Menchov è la nuova maglia rosa ma la bagarre per la testa della graduatoria è aperta ad un numero significativo di corridori. Non soltanto Danilo Di Luca distante soltanto 34 secondi dal russo. Sono infatti tre i ciclisti racchiusi entro quaranta secondi dalla maglia rosa. Quarto in classifica generale è Pellizzotti a due minuti netti. Quinto Sastre a quasi tre minuti. Indietro Armstrong ad oltre sei minuti e mezzo.
Nulla di particolarmente grave per il corridore abruzzese, tutt'altro che specialista nelle cronometro, che avrà tutto il tempo nei prossimi giorni di rosicchiare qualche secondo all'attuale maglia rosa.
Menchov, il favorito alla vigilia insieme a Leipheimer, ha tagliato il traguardo di Riomaggiore in un'ora, trentaquattro minuti e ventinove secondi. A venti secondi è giunto Leipheimer, terzo Stefano Garzelli dopo un minuto. Di Luca, abile ad aver limitato i danni dopo una buona prova nel complesso, è arrivato sesto ad un minuto e cinquantaquattro secondi.
«Sono comunque andato bene dopo una buona partenza». – Ha commentato a caldo Danilo Di Luca – «ho perso troppo nella seconda salita poi nel finale mi sono ripreso. Sono comunque soddisfatto ed in classifica generale sono soltanto trenta secondi dietro a Menchov. È chiaro che ad ogni occasione dovrò spingere al massimo per guadagnare secondi preziosi».
Oggi è in programma la dodicesima tappa da Lido di Camaiore a Firenze di 176 chilometri. La frazione non presenta particolari difficoltà ed è congeniale ai velocisti. Favoriti numero uno per il successo di tappa, ovviamente, sono Petacchi e Cavendish.

Andrea Sacchini 22/05/2009 10.01