Pescara sciupone. A Potenza è soltanto 0-0

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1450

POTENZA. Un discreto Pescara, certamente il migliore dell'era Cuccureddu per manovra ed occasioni da gol create, non va oltre lo 0-0 a Potenza e per come si era messa la partita spreca un'occasione d'oro per lasciarsi alle spalle la bassa classifica.
Tanti i pericoli creati dalle parti di Groppioni ed altrettante le occasioni sciupate dagli avanti biancazzurri che, per l'ennesima volta, hanno palesato scarsa precisione e cattiveria sotto porta. Pesanti gli errori soprattutto di Bazzani, un giocatore che in questa categoria avrebbe dovuto fare la differenza e che invece, da troppo tempo, non trova la via della rete.
Per i pescaresi tanti rimpianti anche perché i padroni di casa hanno giocato a lungo nel secondo tempo in inferiorità numerica per l'espulsione di Mangiapane.
Il Pescara ai punti avrebbe meritato miglior sorte ma, per onestà va detto, il Potenza ha fallito nel corso del match almeno un paio di occasioni da rete clamorose. Una di queste pochi secondi prima del triplice fischio. Decisivo per il pareggio l'estremo difensore abruzzese Prisco, chiamato a sostituire per la seconda domenica consecutiva lo squalificato Indiveri.
Qualcosa di positivo, mettendo da parte il gioco, si è visto anche in difesa dove Pomante e compagni, finalmente, concludono il match con zero reti al passivo.
Tanta volontà ed impegno purtroppo ripagati con un solo punto, malgrado l'avversario di ieri non abbia certo spiccato per qualità tecniche di rilievo.
Confermate, invece, tutte le difficoltà soprattutto del centrocampo nel macinare gioco e nel dettare l'ultimo passaggio. Considerato lo scarso apporto degli esterni nelle ultime uscite, Cuccureddu saggiamente si è affidato ad un centrocampo a tre nel mezzo con Zeytulaev a supporto del tandem offensivo Bazzani-Simon. Solo panchina inizialmente per Felci, apparso un po' in ombra nelle ultime uscite. Una scelta coraggiosa che, tabellino delle azioni da rete alla mano, ha premiato l'ex tecnico di Torres e Perugia.

LA PARTITA

Le formazioni. Nel Pescara Cuccureddu vara un 4-3-3 inedito per quanto riguarda gli interpreti. Prisco tra i pali. Linea difensiva a quattro con Pomante e Romito centrali, Diliso a destra e Vitale sull'out di sinistra. Diga di centrocampo centrale formata da Coletti, Giordano e Camorani. In avanti Zeytulaev avanzato a supporto del tandem Bazzani-Simon. Quest'ultimo al rientro dopo un infortunio muscolare.
Nel Potenza il tecnico Catalano ha dato fiducia dal primo minuto al seguente undici: Groppioni, Dei, Di Bella, Cammarota, Porcaro, Lolaico, Mangiapane, Berretti, Cozzolino, Sarno e Cantoro.
Dirige l'incontro Vallesi della sezione di Ascoli Piceno.
Avvio di marca potentina. Al nono Sarno supera Vitale e si presenta solo davanti Prisco. L'estremo difensore biancazzurro è bravissimo a chiudergli lo specchio della porta in uscita.
Risponde il Pescara. Cinque minuti più tardi direttamente su calcio piazzato Vitale trova Groppioni attento. A cavallo del ventesimo Giordano ottimamente assistito da Simon sparacchia malamente sul fondo da ottima posizione.
Sfortuna Pescara. Alla mezz'ora palo di Bazzani su preciso traversone dalla destra di Camorani.
Botta e risposta. Sul finire di tempo ghiotta occasione da rete da una parte e dall'altra. Per il Potenza Cozzolino a tu per tu con Prisco si lascia ipnotizzare dal portiere adriatico. Per il Pescara Ferraresi da pochi passi a porta praticamente sguarnita sparacchia il pallone incredibilmente alto.
Di nuovo il Potenza. Nella riprese scende un po' il ritmo e ne approfittano i padroni di casa. Al 55esimo Mangiapane su calcio di punizione di un nulla manda la sfera sul fondo.
Padroni di casa in dieci. Al 62esimo il Potenza resta in dieci per l'espulsione di Mangiapane per doppia ammonizione. Dieci minuti più tardi assolo spettacolare del neo entrato Scappaticci che elude il ritorno di un paio di avversari e centra il palo con una conclusione a giro dal limite dell'area di rigore.
Finale convulso. Il Pescara ci prova negli ultimi minuti con conclusioni dalla lunga distanza. Per contro il Potenza ad una manciata di secondi dalla fine va vicinissimo al clamoroso successo. D'Aguanno appena entrato appena fuori l'area piccola esalta i riflessi di Prisco che di piede salva i suoi. È l'ultima azione del match che si conclude dopo quattro minuti di recupero.

LA SALVEZZA DIPENDE ANCHE DAL CALENDARIO

Match di Potenza a parte, per i biancazzurri ieri è stata una giornata positiva per quanto riguarda i risultati maturati sugli altri campi. Le sconfitte di Taranto e Foligno infatti permettono agli adriatici di issarsi al quintultimo posto in classifica a pari merito del Taranto. Il Pescara, però, è in vantaggio negli scontri diretti con i pugliesi.
A questo punto, dunque, il Pescara si giocherà le ultime possibilità di salvezza senza passare per i temuti play-out nelle ultime due partite domenica con la Pistoiese ed il 17 maggio sul campo della Cavese. Inevitabile in questi casi guardare anche il calendario delle dirette inseguitrici. Lanciano, Taranto e Foligno in prima battuta considerando Ternana e Paganese ad un passo dalla salvezza.
Per quanto concerne domenica prossima coefficienti di difficoltà pressoché identici per tutte le compagini eccezion fatta forse solo per il Lanciano che ospiterà la capolista Gallipoli alla quale, però, potrebbe bastare anche un pari. Tutte in casa, il Pescara riceverà la visita della Pistoiese, il Foligno la Juve Stabia ed il Taranto ospiterà il Potenza.
Tutto però dovrebbe essere deciso l'ultima giornata dopo, purtroppo, i biancazzurri saranno impegnati sul campo della Cavese nel match sulla carta più difficile. Taranto e Foligno, invece, giocheranno su terreni meno ostici come quello rispettivamente di Sorrento e Pistoia.

PRIMA DIVISIONE GIRONE B. RISULTATI, CLASSIFICA E PROSSIMO TURNO

Arezzo-Crotone 4-0
Cavese-Ternana 0-0
Foggia-Virtus Lanciano 4-1
Gallipoli-Taranto 1-0
Juve Stabia-Benevento 0-1
Perugia-Foligno 3-0
Pistoiese-Real Marcianise 1-0
Potenza-Pescara 0-0
Sorrento-Paganese 0-0

Classifica: Gallipoli 63; Benevento 58; Crotone 56; Arezzo 54; Cavese 53; Foggia 52; R.Marcian. 42; Sorrento 41; Perugia 40; Ternana 40; Paganese 39; V. Lanciano 38; Pescara 36; Taranto 36; Foligno 35; Pistoiese 30; Juve Stabia 28; Potenza 28.
Prossimo turno: Benevento-Cavese; Crotone-Perugia; Foligno-Juve Stabia; Paganese-Arezzo; Pescara-Pistoiese; R.Marcian.-Sorrento; Taranto-Potenza; Ternana-Foggia; V. Lanciano-Gallipoli.

Andrea Sacchini 04/05/2009 9.05