Delfino Pescara. Rinviata a data da destinarsi la possibile penalizzazione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1815


PESCARA. Nessuna penalizzazione per il momento ai danni del Pescara e decisione rinviata a data da destinarsi. È stato questo l'esito della riunione della Commissione Disciplinare chiamata ieri per giudicare il sodalizio adriatico sul caso Cappai. Il giocatore era stato tesserato dalla vecchia proprietà Soglia con lo sforamento del budget previsto dalla copertura fidejussoria.
La decisione di rinvio da parte della Disciplinare si è resa necessaria in accoglimento ad un'eccezione procedurale sollevata dai legali della società Delfino Pescara. Gli avvocati Eduardo Chiacchio e Donato Di Campli.
La sentenza, dunque, non è definitiva ma soltanto rinviata a data da destinarsi. Questo significa che gli eventuali punti di penalizzazione, qualora fosse verificata la colpevolezza del club biancazzurro, potrebbero essere scontati nel prossimo campionato. Quest'ultima eventualità inevitabilmente scatenerebbe vari ricorsi e controricorsi da parte delle eventuali quintultime, con play-out decisi a tavolino nei tribunali piuttosto che dai risultati maturati sul campo. Questo però in serie C, amara verità, certo non rappresenta una novità da diversi campionati a questa parte.
In attesa di delucidazioni sul caso il Pescara resta a quota 34 in classifica a due lunghezze dal Foligno quartultimo e un punto dal Taranto quintultimo.

DOMENICA PESCARA-SORRENTO A GIULIANOVA

Penalizzazione o meno nel campionato in corso la salvezza ad ogni modo passa inesorabilmente per i tre punti di domenica al Fadini di Giulianova contro il Sorrento, galvanizzato ieri dal successo in Coppa Italia Lega Pro ai danni della Cremonese. L'undici di Simonelli, che naviga in posizioni tutto sommato tranquille di classifica, per la trasferta in terra abruzzese dovrà rinunciare a diversi elementi importanti. Su tutti gli squalificati Maiorano, Lo Monaco e Nicodemo.
Calendario alla mano per i biancazzurri l'occasione di affrontare i campani proprio domenica è più unica che rara. Ad ogni epilogo di campionato, è noto, sono le motivazioni a fare la differenza ed il Pescara almeno sulla carta dovrebbe avere più stimoli del Sorrento, che tra l'altro avrà anche un giorno in meno di riposo.
Per preparare al meglio il match e ritrovare un minimo di tranquillità la squadra è già in ritiro nei pressi di Giulianova. Qui Cuccureddu preparerà la partita probabilmente più importante della stagione.

MANO PESANTE DEL GIUDICE SPORTIVO SUL PESCARA

Ieri il Giudice Sportivo ha squalificato per due turni Perrulli e Indiveri. Il primo era stato espulso per proteste nel corso della partita di mercoledì con l'Arezzo, il portiere invece nella stessa partita si è reso protagonista insieme all'ex Daniele Croce di un finale piuttosto movimentato. Entra inoltre in diffida Camorani.
Il presidente Deborah Caldora a riguardo ha fatto sapere che verranno presi provvedimenti disciplinari contro i calciatori Perrulli ed Indiveri con l'intento di evitare per il futuro "il ripetersi di simili gesti e comportamenti dettati da mancanza di disciplina e professionalità che ledono l'immagine della società, producendo danno alla società stessa e alla squadra".
Sempre per quanto concerne le decisioni del giudice sportivo, ammenda in aggiunta di 1.500 euro alla società Delfino Pescara per l'esposizione da parte dei tifosi di uno striscione accompagnato da cori offensivi verso l'istituzione calcistica.
In vista dell'incontro con il Sorrento le assenze di Indiveri e Perrulli andranno ad aggiungersi a quelle già pesanti di Verratti e Simon. Ancora in forse Siniscalchi mentre in questi giorni verranno attentamente valutate le condizioni di Bazzani. Ieri intanto non si è allenato Stella per un attacco influenzale.
Con i campani sono previste diverse importanti novità nell'undici base iniziale. Dopo il turno in panchina dovrebbero riprendere posto in campo dal primo minuto Vitale, Ferraresi e soprattutto Laens. In luogo di Indiveri spazio certamente al secondo Prisco.
Per una questione puramente di numeri largo al 4-2-3-1 o al 4-4-1-1.
Andrea Sacchini 24/04/2009 14.04