Jarno Trulli : «sarà una stagione tutta da scoprire»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1441




ABRUZZO. Jarno Trulli, il pilota abruzzese della Toyota si racconta sulle pagine di Anci Rivista, il mensile istituzionale dell'Associazione nazionale dei Comuni italiani.
Un'intervista a tutto campo che si apre con il rapporto che Jarno ha con la sua terra d'origine, l'Abruzzo.
«Vivo in Svizzera da diversi anni – dice – ma mi sento al 100% italiano e abruzzese. Le mie origini sono importanti e ci tengo molto».
I piloti italiani e la Formula Uno «Non hanno vita facile anche siamo riusciti a ritagliarci il nostro spazio». Per Trulli il motivo sta nel grande fascino che nel mondo esercita la Ferrari. «Da noi lo spazio per il Made in Italy è occupato dalla Ferrari. E' la macchina che conta, più del pilota. Gli altri paesi non hanno un nome così legato alla propria nazione e riescono a far crescere buoni piloti».
Il circus della Formula Uno si interroga sulla possibilità di disputare un Gran Premio sulle strade di Roma. Per il campione pescarese si tratterebbe di «una cosa grandiosa. Una volta tanto non sarebbe solo la città a guadagnarci ma la Formula 1 in quanto tale. Sarebbe un evento sia storico che sportivo unico nel suo genere».
Il pilota abruzzese torna poi sulle sue abitudini che sono rimaste profondamente legate alla tradizione italiana: «in pratica mi trovo a fare l'importatore dei prodotti tipici della mia regione. A casa mia si consuma quasi esclusivamente cibo italiano. Abbiamo tutto che ricorda l'Abruzzo, dall'olio al vino, dalla pasta, agli arrosticini».
Trulli negli anni ha coltivato anche un'altra passione, quella del vino tanto da essere il testimonial di una nota azienda vinicola abruzzese gestita dal padre: «dieci anni fa il Montepulciano d'Abruzzo era conosciuto e consumato solo come un vino da tavola. Oggi non è più così, grazie anche agli altri produttori abruzzesi che hanno cominciato a puntare sulla qualità».
L'intervista si chiude con gli obiettivi per la stagione che sta per cominciare. «Sono molto fiducioso – dice Trulli. Abbiamo una macchina estremamente affidabile e competitiva. Queste sono le sensazioni dopo le prime prove».
Su quali saranno i protagonisti del prossimo mondiale di Formula Uno, Trulli pronostica: «Direi Ferrari e Mclaren davanti a tutti poi gli altri outsider come la Renault noi della Toyota e la Bmw. Però sarà una stagione tutta da scoprire e da seguire – conclude – perché con il cambio di regolamenti si mischieranno le carte e ci sarà da divertirsi».
10/03/2009 11.55