Al Campionato italiano per fuoristrada ci saranno 5 abruzzesi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1556


ABRUZZO. Silvio e Tito Totani, Carmine e Lucio Salvi, e Gianluca Sbaraglia sono i cinque abruzzesi che parteciperanno agli otto appuntamenti del campionato italiano CSAI 2009 di Tout Terrain, specialità di velocità e navigazione in fuoristrada.
La prima gara, l'Italian Baja, si svolgerà a Pordenone dal 20 al 22 marzo con un tragitto di 800 km che prevede prove speciali molto dure ed impegnative sia per gli equipaggi e che per i mezzi.
Ma la delegazione abruzzese si è definita «piccola ma agguerrita».
Sono tutti aquilani tranne Gianluca Sbaraglia che è di Chieti. Il gruppo è ben fornito ed eterogeneo. Ci saranno i "veterani ed esperti" Silvio e Tito Totani, che saranno impegnati anche nel Campionato Europeo 2009 di specialità.
I fratelli sono stati già protagonisti di altre competizioni internazionali come il “rally dei Faraoni” in Egitto, ottenendo un piazzamento di assoluto prestigio.
Lo scorso anno proprio all'Italian Baja sono riusciti a staccare un ottima 6° posizione assoluta e 4° di categoria. Quest'anno correranno assieme con una performante Mitsubishi Pajero WRC preparata direttamente dall'RTeam.
Non da meno l'equipaggio dei fratelli Carmine e Lucio Salvi, sempre proveniente del capoluogo abruzzese. Anche per loro il progetto nel 2009 è la partecipazione al campionato italiano e al trofeo monomarca Mitsubishi 2009. I fratelli Salvi si presenteranno alla partenza con una Mitsubishi Pajero 3.2 did T2. E' invece esordiente al campionato italiano, il teatino Gianluca Sbaraglia che correrà assieme al salernitano Gennaro Moccaldi con un Suzuki Gran Vitara TD T2 messo loro a disposizione dal Gierre Team Fuoristrada di Salerno e preparato dalla Longobardi 4x4 MotorSport. Concorrerà oltre al campionato italiano assoluto e di categoria anche per la vittoria finale assoluta del 10° Trofeo Suzuki Challenge 2009 Tout Terrain. Gianluca Sbaraglia parteciperà con la speranza che i suoi sforzi vengano ripagati da risultati, «così come siano coronati anche quelli degli ottimi piloti aquilani che già negli anni passati si sono distinti nel panorama italiano ed internazionale della specialità tout terrain-baja».
Lo scorso anno, Sbaraglia si è messo in evidenza assieme all'esperto vicentino Leonardo Opali ed i colori del Veneto Corse 4x4 nei campionati amatoriali della specialità tout terrain. Assieme hanno raggiunto la vittoria assoluta nella difficile gara del Baja Umbria Gran Criterium Amatoriale di Tout Terrain. Esperto di gare e di navigazione agonistica, negli anni passati ha conseguito anche rilevanti risultati nei quad da competizione come il secondo posto assoluto di categoria al Campionato Italiano Trofeo Baja Quad 2006. Gli abruzzesi si dicono «molto motivati» in una specialità non molto conosciuta dal grande pubblico ma molto spettacolare, dura e selettiva dove la navigazione, la velocità, la preparazione dei veicoli e la forma fisica degli equipaggi è fondamentale per competere ai massimi livelli.
m.r.
05/03/2009 10.06