Serie B. Un Pescara spento e inconsistente perde 1-0 anche a Modena

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2115

MODENA. Il Pescara perde a Modena 1-0 e conferma il suo momento difficile a livello sia di risultati sia di prestazioni.

Match winner Greco al minuto 24 del primo tempo.

Verdetto del campo giustissimo per i valori tecnici espressi in campo, con il Pescara quasi mai in partita ed incapace di creare grattacapi alla retroguardia modenese. Molto meglio il Modena sul piano del fraseggio, dell'incisività sotto porta e della sicurezza in fase difensiva.

Malissimo la fase d'attacco, basti pensare che gli uomini di Eusebio Di Francesco hanno concluso in porta in una sola occasione, anche la difesa non ha retto l'urto della grandissima qualità offensiva del trio formato da Mazzarani, Greco e Pasquato. I bassi ritmi inoltre, in una gara tutt'altro che spettacolare, non hanno fatto altri che privilegiare il maggior tasso tecnico dei centrocampisti ed attaccanti modenesi.

Squadra spenta e inconsistente dalla metà campo in su, con gli uomini che dovrebbero fare la differenza ben lontani da una condizione fisica accettabile. Poche idee perlopiù confuse a centrocampo, con il solo Soddimo capace di dare vivacità allo sterile attacco pescarese.

Eusebio Di Francesco, che ha dovuto rinunciare per infortunio e squalifica a tantissimi elementi importanti della rosa, ha optato per un inedito 3-4-3 con il trio Diamoutene-Olivi-Mengoni in difesa. A centrocampo sugli esterni spazio alla corsa di Zanon e Capuano. Esordio dal primo minuto quest'anno di Bartoletti in luogo dello squalificato Pinna. Scelte d'emergenza che, portiere a parte, non hanno dato al tecnico valide garanzie per il futuro.

Nel primo tempo al decimo la prima conclusione verso lo specchio della porta è di Pasquato dalla lunga distanza, con Bartoletti sicuro. Al 18esimo Pescara vicino al gol in contropiede, con una botta da fuori di Berardocco che si spegne di poco a lato.

Al 24esimo il vantaggio del Modena nasce da una grave ingenuità difensiva di Zanon, che si lascia rubare un pallone al limite dell'area da Mazzarani. Servizio nel mezzo per Greco che difende palla ed insacca alle spalle dell'incolpevole Bartoletti. Sterile reazione del Pescara con il solo Soddimo in grado di creare confusione nella retroguardia dei canarini.

Prima del riposo altra ingenuità della difesa del Pescara, questa volta con Capuano, e conclusione di poco imprecisa da posizione decentrata di Mazzarani. Nella ripresa spettacolo quasi del tutto assente e pochi pericoli corsi dalle 2 squadre.

Al quinto Sansovini reclama un rigore per una evidente trattenuta in area da parte di Diagouraga. Al quarto d'ora botta da fuori di Gozzi di molto imprecisa. Al 25esimo Bucchi lavora un buon pallone, l'unico in tutta la partita, per Soddimo che da buona posizione sparacchia alle stelle. Finale di gara da sbadigli, con il Pescara incapace di reagire ed il Modena che ha difeso senza sforzi il prezioso vantaggio. Da annotare a 5 minuti dalla fine l'unica conclusione in porta, peraltro tutt'altro che irresistibile, del subentrato Ganci con pallone facile preda di Guardalben.

Nessun dramma per il Pescara, sulla carta tecnicamente in grado di evitare i play-out senza sofferenze di fine stagione, ma un punto nelle ultime 5 partite sono un campanello d'allarme da non sottovalutare in vista del futuro. All'orizzonte ci sono 5 partite fondamentali in ottica salvezza, con formazioni al momento in classifica sotto i biancazzurri.

Ormai virtualmente sfumata la zona play-off, con il grandissimo numero di squadre più in forma coinvolte, ora il Pescara in questo finale di campionato dovrà per forza guardarsi alle spalle. 6 punti di vantaggio infatti, con l'attuale ritmo delle squadre di bassa classifica, non sono affatto un margine rassicurante. Sabato prossimo per il Pescara appuntamento delicato all'Adriatico contro il Crotone, scontro diretto a questo punto per la salvezza, con i calabresi a sole 5 lunghezze di distanza.

L'undici di Eusebio Di Francesco, che spera di recuperare qualche giocatore indisponibile, per l'occasione dovrà ritrovarsi soprattutto a livello mentale.

 TABELLINO

 MODENA (4-3-1-2): Guardalben, Diagouraga, Rullo, Gozzi, Colucci, Giampà, Perna, Signori (30'st Luisi), Mazzarani, Pasquato (25'st Tamburini), Greco (35'st Stanco). A disposizione: Alfonso, Cani, Carini, Gilioli. Allenatore: Bergodi.

PESCARA (3-4-3): Bartoletti; Mengoni, Olivi (39'st Giacomelli), Diamoutene; Capuano, Berardocco, Gessa, Zanon; Soddimo (29'st Ganci), Bucchi, Sansovini (16'st Bonanni). A disposizione: Vattenari, Sembroni, Ariatti, Del Prete. Allenatore: Di Francesco.

ARBITRO: Baratta della sezione di Salerno.

 Andrea Sacchini  28/03/2011 8.28