Serie D. Angolana-Trivento 1-2

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1549


CITTÀ SANT'ANGELO - Tra le mura amiche del Comunale angolano i nerazzurri di mister Vivarini cedono i tre punti a un Trivento coriaceo e determinato. I padroni di casa sentivano il peso della "vittoria per forza" per cercare di accorciare le distanze dalla capolista Fano e per rimanere attaccati alla Pro Vasto e al Casoli, peso che non è bastato per vincere la gara contro i molisani che, dopo un inizio stagione deludente, stanno riprendendo quota. Un incredibile Bernardi, ieri in grande spolvero, ha sancito il successo della squadra di Carannante che, sebbene in dieci per tutto il secondo tempo, ha dato una grande prova di carattere. Parte bene l'Angolana che dopo appena sette minuti dal fischio d'inizio si rende pericolosa con Pazzi che apre un corridoio per Cacciatore, ma è bravissimo Quintigliano ad apporsi alla gran botta da vicino; tre minuti dopo è sempre la squadra di casa che su calcio piazzato di Cichella impensierisce il Trivento servendo Bordoni che trova l'opposizione del giovane Leone: la palla finisce sui piedi di D'Ancona che butta fuori. Quintigliano rimette la palla in gioco servendo capitan Voria che lancia in avanti, cross vincente per Bernardi che di testa mette il pallone sul secondo palo, dove non arriva l'incolpevole Fanti. Cinque minuti più tardi è Lazzarini che ci prova da fuori, ma è bravo Fanti a bloccare. Al 34' è l'Angolana a rendersi pericolosa con Pazzi che in area supera un avversario e serve un pallone perfetto sui piedi di Cacciatore che però sbaglia. Una manciata di minuti più tardi è sempre il solito Pazzi che si spinge nell'area ospite, viene atterrato e Guglielmi segnala il dischetto: è lo stesso bomber nerazzurro che si incarica di battere il tiro dagli undici metri . Gol del pareggio e l'Angolana torna a sperare soprattutto quando poco prima dello scadere viene espulso Barbato. Con un uomo in meno Carannante nel secondo tempo non fa chiudere i suoi, anzi chiede loro di spingere ancora: al 12' Vincitti serve Palombizio che di testa sbaglia di poco, al 21' una bella triangolazione nerazzurra tra Ciofani, Ausoni e D'Ancona fa tremare il Trivento, ma il baby attaccante (1991) abruzzese sbaglia clamorosamente. Al 26' si mette di nuovo in mostra Quintigliano che para un potente tiro di Bordoni che era stato ben servito da Ausoni; ma al 35' arriva la punizione da cineteca di Bernardi che dalla sinistra incrocia sul secondo palo regalandosi una doppietta e la vittoria. Ora l'Angolana giocherà sabato al Comunale nei quarti di Coppa Italia contro il Pontassieve, mentre tra quindici giorni sarà di scena a Grottammare.

IL TABELLINO

RC ANGOLANA: (4-4-2): Fanti: Ciofani, Fuschi (36' st Canali), Mucciante, Ferretti; Bordoni, Cichella, Rachini (17' st Ausoni), Cacciatore (13' st Farrugia); Pazzi, D'Ancona. A disp: Carosa, Becci, Terrenzio, Galasso. All: Vivarini
TRIVENTO: (4-4-2): Quintigliano; Mainella, Barbato, Voria, Di Cesare (3' st Palombizio); Bernardi, D'Aversa, Vincitti, Leone (36' st Gentile), Guglielmi, Lazzarini (3' st Boscia). A disp: Argenziano, Giugliano, Monaco di Monaco G., Monaco Di Monaco M. All. Carannante
Arbitro: Alessandro Guglielmi di Pisa
Reti: 12' pt e 35' st Bernardi (T), 38' pt Pazzi su rigore (RcA)
Note: Espulso al 44' pt Barbato per reazione, al 42' st Monaco Di Monaco G. allontanato dalla panchina per proteste. Ammoniti: Rachini e Ausoni (RcA); D'Aversa, Barbato, Bernardi, Guglielmi, Palombizio (T). Recupero: 3' pt, 4' st: Spettatori: circa 500.
02/02/2009 8.18