2°Div/B. Giulianova e Celano sfide casalinghe

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1869



GIULIANOVA. Situazione di grave emergenza in casa Giulianova in vista dell'impegno di domani al Fadini contro la capolista Viareggio. Il tecnico Bitetto, infatti, sarà costretto a rinunciare a diversi giocatori importanti sia in difesa sia a centrocampo.
Per quanto riguarda il pacchetto arretrato sono incerti Garaffoni e Ogliari. Il tecnico giallorosso, ad ogni modo, comunque non ha perso tutte le speranze almeno di recuperare uno dei due.
I guai maggiori sono però in mezzo al campo. Salteranno sicuramente il match con il Viareggio gli infortunati Croce, D'Aniello e Ranguin. Accanto a Pucello, dunque, quasi certo l'avanzamento a centrocampo di Sosi anche perché Luca Cichella risulta indisponibile.
L'unica buona notizia viene da Mancini, che riprenderà il posto tra i pali dopo aver scontato il doppio turno di squalifica.
Problemi anche in avanti in quanto permane il dubbio sulla disponibilità dal primo minuto di Galabinov. Il bulgaro in settimana ha avuto un problema ma dovrebbe farcela a partire dall'inizio.
Out sicuro per squalifica anche Lisi, che con ogni probabilità verrà rimpiazzato da D'Antoni, terminato tra le riserve nelle ultime due domeniche.
Per il resto conferma all'oramai collaudato 4-3-3. Mancini in porta. Linea difensiva a quattro con Vinetot, Ciminà, Ogliari e Garaffoni. In caso di forfait di uno degli ultimi due è pronto D'Urso. Possibile inedito centrocampo a tre con Pucello, Sosi e Lieti. Tridente offensivo affidato a Croce, Improta e Galabinov.
Nel Viareggio mister Aglietti pare intenzionato a confermare lo stesso undici che sette giorni fa ha superato in casa 2-0 la Sangiustese. Tra i tanti Arfè in porta, Barlotti, Massoni, Fiale, Fommei, De Angelis e Fusi.
Giulianova-Viareggio verrà diretta da Andrea Corletto di Castelfranco Veneto. Guardalinee Parolin e Tronchin.
Il Viareggio fino ad ora ha avuto un ruolino di marcia piuttosto altalenante lontano dal proprio pubblico. Due successi, tre pareggi e due sconfitte. Ragion per cui, seppur tenendo conto tutti gli indisponibili in casa Giulianova, tre punti sono alla portata degli abruzzesi.
Appuntamento dunque domani alle ore 14.30 allo stadio Fadini di Giulianova.

CELANO. Dopo la delusione di Prato il Celano torna in campo domani nel fortino del Piccone. Davanti al proprio pubblico, dati alla mano, il Celano risulta essere la formazione più temibile di tutto il raggruppamento. Cinque successi e due pareggi in sette partite, bilancio secondo soltanto al Viareggio che ha una partita in più in casa. Al Piccone, inoltre, il Celano è la prima forza per quanto riguarda le reti realizzate. Ben diciannove a fronte di soltanto cinque subite.
Avversario di turno è il San Marino, penultima forza del torneo con 15 punti. I sammarinesi, fuori casa, in sette match hanno ottenuto un successo, due pari e quattro rovesci. L'unica vittoria risale al 14 settembre 2-0 sul campo del Bassano Virtus.
Per l'occasione il tecnico celanese Modica recupera diversi elementi importanti. Il difensore Rossini ma soprattutto il bomber Dionisi, capocannoniere del girone B. L'unico indisponibile, dunque, dovrebbe essere Langella.
Novità di formazione dunque dopo la sconfitta patita a Prato. 4-3-3 con Vurchio in porta. Morgante, Perricone, Zanon e Rossini a formare la linea a quattro di difesa. Barbetti, Giunchi e Mignogna a centrocampo con Fanelli pronto a subentrare a gara in corso. Tridente offensivo affidato a Villa, Negro e Dionisi.
Nel San Marino, reduce dal brillante 5-2 di sette giorni fa in casa col Poggibonsi, mister Franco Varrella ha scelto dal primo minuto Scotti, Baldini, Mussoni, D'Andria, De Cristofaro, Grassi, Turchetta e Chiopris Gori.
Celano-San Marino verrà diretta da Massimiliano De Benedictis della sezione di Bari. Assistenti Occhinegro e Cinquemani.
Fischio di inizio domani alle 14.30 allo stadio Piccone di Celano.

Andrea Sacchini 13/12/2008