Pescara calcio. Galderisi: «non sento la dirigenza da una settimana»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1462



PESCARA. Ripresa degli allenamenti ieri per il Pescara sul campo Vestina di Montesilvano. Ha ripreso a lavorare col gruppo Giuliano che dovrebbe recuperare per il match di domenica ad Arezzo. Niente da fare invece per Bazzani, Romito, Verratti e De Sousa.
Oggi, a meno di sorprese, la squadra dovrebbe allenarsi al Poggio Degli Ulivi di Città Sant'Angelo.
Nessuna novità, come previsto, dalla presunta proprietà del delfino. Tutto è rimasto al fumoso comunicato stampa di ieri. Oggi nessuno era a Pescara ed ovviamente non sono stati i sbloccati gli stipendi né dei giocatori né dello staff tecnico né dei collaboratori della sede e del settore giovanile. La situazione, dunque, si fa sempre più difficile con la data del 20 novembre che si avvicina sempre di più.
Il 20 novembre, infatti, è il termine ultimo per la proprietà di effettuare l'aumento di capitale sociale di circa un milione e mezzo di euro. La sensazione, però, è quella che come successe l'anno scorso per Pincione il collegio sindacale possa dare ulteriori trenta giorni di tempo per effettuare la ricapitalizzazione. Tale ultima eventualità sarebbe certo un danno per il club. In caso di inadempienza della Eurocat il presidente del collegio sindacale Paolone porterà i libri contabili in tribunale. Il tutto, comunque, non dovrebbe risolversi prima di fine dicembre inizio di gennaio. I tempi, dunque, saranno tutt'altro che brevi.
Intanto sorgono problemi logistici ed organizzativi per la trasferta di domenica ad Arezzo. Al momento in società non ci sarebbero i soldi neanche per pagare l'autobus.
Del momento della squadra ha parlato ieri dopo l'allenamento Giuseppe Galderisi: «veniamo da un bel successo con la Paganese. Le vittorie portano entusiasmo a noi ed ai tifosi e sono fondamentali per il morale. La situazione della società, però, resta quella che è sotto gli occhi di tutti».
Una prestazione che ha messo ancora una volta in luce le doti caratteriali e le qualità tecniche dell'undici pescarese: «le qualità tecniche ci sono sempre state. Non abbiamo fatto bene per un periodo solo per una questione di testa e di condizione atletica. Sono soddisfatto dell'impegno, dell'ordine e dell'applicazione da parte di tutti. Riguardo le doti caratteriali non scopriamo nulla. In questa situazione si vedono i veri uomini e sono soddisfatto dei miei ragazzi».
Ovviamente non sono mancati richiami piuttosto forti alla presunta proprietà della Pescara calcio: «non sento nessuno da una settimana. Ho sentito di comunicati stampa nell'ultima settimana ma io non ho letto nulla. Io giudico solo quello che vedo ed i fatti. Ad oggi siamo rimasti da soli. Ripeto non vedo e sento nessuno da una settimana. I comunicati non mi interessano».
Un plauso, doveroso, anche al pubblico di fede biancazzurra: «sono encomiabili. Noi sentiamo il grande calore di chi tiene veramente alla città di Pescara ed al Pescara».
Chiusura dedicata alla partita di domenica ad Arezzo: «ci aspetta una partita difficilissima. L'Arezzo non viene da un buon momento ed ha tutta la voglia di riscattarsi. Noi però abbiamo tutte le qualità per fare una buona partita e riportare punti a casa».

Andrea Sacchini 12/11/2008