2°Div/C. La Val Di Sangro perde ancora. 3-1 a Catanzaro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

946



CATANZARO. Seconda sconfitta consecutiva per la Val Di Sangro che cade 3-1 sul campo del Catanzaro. Vantaggio calabrese nel primo tempo al 26esimo con A. Montella. Momentaneo pari di Epifani al 65esimo. Reti definitive per i padroni di casa di Tomi e Gimmelli rispettivamente al 70esimo ed al 90esimo.
Risultato tutto sommato giusto per i valori tecnici espressi in campo.
La Val Di Sangro a questo punto non vince da sette partite. Subisce tantissime reti ed il reparto offensivo è uno dei meno prolifici della categoria. Se questa non è crisi poco ci manca.
Si apre dunque una settimana difficile soprattutto per la dirigenza. La stessa dovrà prendere una decisione sul futuro del tecnico Elio Perri, la cui panchina è sempre più traballante.
Il patron Pellegrini attendeva una reazione da parte dei giocatori almeno dal punto di vista della prestazione. Reazione che parzialmente si è avuta anche se era lecito attendersi di più. La Val Di Sangro, soprattutto nel primo tempo, si è resa pericolosa soltanto su calci piazzati.
La stessa rete degli abruzzesi nella ripresa è giunta sugli sviluppi di un calcio piazzato.
Buon inizio per gli ospiti. Al quinto Epifani si rende pericoloso su calcio di punizione esaltando i riflessi dell'estremo difensore di casa Mancinelli.
Tre minuti più tardi calabresi vicini al gol. Per due volte Iannelli in piena area di rigore trova Ameltonis pronto alla respinta.
Al 26esimo il vantaggio del Catanzaro. A. Montella servito indisturbato in area da un compagno da due passi trafigge Ameltonis.
Prima del riposo ancora Epifani su calcio piazzato dai venti metri trova il portiere giallorosso reattivo nel deviare in angolo.
Nella ripresa dopo alcune buone azioni dei padroni di casa al 62esimo gli abruzzesi pervengono al pareggio. Su calcio piazzato Epifani colpisce il palo, sugli sviluppi la spera torna tra i piedi di Epifani che da fuori insacca. Nella circostanza deviazione da parte di un difensore catanzarese.
La gioia del pari dura però poco ed al 71esimo Tomi da buona posizione realizza il 2-1.
Poco prima del triplice fischio finale il punto di Gimmelli che ha fissato il risultato sul 3-1.
Il tecnico dei sangrini Elio Perri ha confermato il modulo 4-4-2 senza però risparmiare novità in avanti e a centrocampo. Ameltonis in porta. Mangoni, Rogato, Del Grosso e Paolacci a formare i quattro di difesa. Curcio, Cherchi, Epifani e Carafa a centrocampo. In avanti spazio al tandem Costantini-Mainella. In corso d'opera hanno fatto il loro ingresso in campo Ruggiero, Memmo e Fiorotto. Questi ultimi due un po' a sorpresa inizialmente in panchina.
Nel Catanzaro mister Provenza ha scelto il seguente undici titolare: Mancinelli, Gimmelli, Di Maio, F. Montella, Armenise, Berardi, Zaminga, Mangiacasale, Criniti, Iannelli e A. Montella.
Ha diretto l'incontro Trentalange di Nichelino.
Con il secondo stop consecutivo gli abruzzesi sprofondano al penultimo posto in classifica in compagnia di Lamezia, Manfredonia e Aversa Normanna. A solo un punto dall'ultima piazza.
Domenica prossima la Val Di Sangro ospita al Montemarcone di Atessa il Gela, terza forza del campionato. Nel mentre la società dovrà decidere al più presto il futuro del tecnico Elio Perri.

SECONDA DIVISIONE GIRONE C. RISULTATI, CLASSIFICA E PROSSIMO TURNO

Barletta-Vigor Lamezia 0-1
Cassino-Andria 0-2
Catanzaro-Val Di Sangro 3-1
Cosenza-Igea Virtus 1-0
Gela-Valle Del Giovenco 0-0
Manfredonia-Aversa Normanna 1-1
Noicattaro-Melfi 2-2
Scafatese-Monopoli 1-3
Vibonese-Isola Liri 0-0

Classifica: Cosenza 27; Catanzaro e Gela 23; Valle Del Giovenco 20; Cassino 19; Andria 16; Vibonese 15; Barletta e Scafatese 14; Monopoli 12; Noicattaro e Isola Liri 11; Aversa Normanna, Manfredonia, Val Di Sangro e Vigor Lamezia 9; Melfi e Igea Virtus 8.

Prossimo turno: Andria-Cosenza, Cassino-Scafatese, Igea Virtus-Manfredonia, Melfi-Catanzaro, Monopoli-Vibonese, Aversa Normanna-Barletta, Valle Del Giovenco-Isola Liri, Val Di Sangro-Gela, Vigor Lamezia-Noicattaro.

Andrea Sacchini 10/11/2008