Pescara calcio. Occorrono al più presto 1,5 milioni oppure fallimento

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1198



PESCARA. È sempre più critica la situazione finanziaria del Pescara. L'ennesimo cda della società è stato convocato per il 20 novembre. Entro questa data dovrà essere effettuato un aumento di capitale di circa 1,5 milioni di euro. Condizione imprescindibile se si vuol evitare di portare i libri contabili in tribunale con conseguente fallimento. Eventualità quasi certa qualora non ci fosse iniezione di denaro fresco nel club entro tale data. Di lì a poco occorrerebbe un altro milione e mezzo di euro per continuare la normale gestione sino al mese di gennaio.
Diversi fornitori del club, inoltre, da mesi non ricevono i loro giusti compensi. Impianti sportivi, alberghi, ristoranti, farmacie, lavanderie e quant'altro. In questo marasma anche le giovanili, dagli esordienti alla beretti, potrebbero ritrovarsi senza campo di allenamento.
Il tutto quando la Lega a giorni dovrebbe dare l'ufficialità del pagamento o meno delle pendenze Iva e Irpeff da parte delle società professionistiche. Il Pescara entro il 31 ottobre avrebbe dovuto versare qualcosa più di 400mila euro. Cifra che, secondo indiscrezioni, non sarebbe stata interamente onorata da parte della nuova presunta proprietà. Pare infatti che sia stato versato solo un acconto di 110mila euro. I prossimi giorni, ad ogni modo, definiranno con maggiore chiarezza la situazione.
Giungono smentite intanto circa le dimissioni di alcuni membri del cda. Per il momento dovrebbero restare al proprio posto De Luca, Marin ed Ercoli.
La squadra, complice l'incertezza societaria, anche ieri dopo mercoledì è stata costretta ad allenarsi al Poggio Degli Ulivi di Città Sant'Angelo. Anche per oggi è prevista una seduta di allenamento sul sintetico del Poggio Degli Ulivi.

ANTONINO CARDINALE

Considerate le delicate vicende societarie sul campo è un buon momento per il Pescara. A sottolinearlo è Antonino Cardinale: «la squadra sta ottenendo buoni risultati sul campo. Da una parte siamo soddisfatti dell'imbattibilità. Speriamo che questa striscia di risultati possa proseguire. Dall'altra però è inutile nascondere che siamo delusi per quanto riguarda i fatti societari. È comunque scontato che dalle difficoltà emerge il gruppo e gli uomini veri. Da questo punto di vista stiamo facendo il possibile».
«Non è possibile» – prosegue Cardinale – «che una squadra come il Pescara per storia e tradizione viva una situazione del genere. È una piazza importante ed i tifosi non meritano assolutamente tutto ciò. È tanto che aspettiamo. Attendiamo la fine di questa settimana e vedremo se ci saranno novità».
L'ex regista del Foggia parla anche dell'ex proprietà Soglia: «ero stato fortemente voluto dalla famiglia Soglia qui a Pescara. Dispiace che sia finita così. Conoscendo Gerardo Soglia mi sembra strano il modo con cui è andato via da Pescara. Potrebbe esserci qualcosa sotto che noi non conosciamo. Ripeto mi sembra tutto così strano...».
Il centrocampista biancazzurro parla anche della Paganese, prossima avversaria domenica all'Aragona di Vasto: «è una squadra attrezzata per la categoria. Possiede diversi elementi di qualità ed è allenata da un ottimo tecnico (Capuano, ndr). Ci darà sicuramente filo da torcere. Anche se loro vengono da tre successi consecutivi abbiamo tutte le carte in regola per tornare a vincere dopo il buon pareggio di Foligno».

Andrea Sacchini 07/11/2008