2°Div/B. Trasferte ostiche domani per Giulianova e Celano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1158



GIULIANOVA. Torna in campo il Giulianova sette giorni dopo il deludente stop interno col Bellaria. La parola d'ordine domani sul campo della Sangiustese è riscatto.
Per l'occasione il tecnico giallorosso Bitetto sembra intenzionato a confermare il solito tridente che ha ben figurato fino ad ora. Esclusa ovviamente la parentesi Bellaria di domenica scorsa. Ancora panchina, dunque, per la punta pesante Galabinov. Questa, ad una prima analisi, potrebbe essere una scelta vincente da parte del tecnico giuliese. Il tridente veloce Improta-Visi-D'Antoni, non a caso, è l'ideale per colpire in contropiede soprattutto in trasferta. E questo Bitetto lo sa benissimo dopo la vittoria esterna di quattordici giorni fa con la Cisco Roma.
Per il resto fiducia in porta a Mancini. Vinetot, Ciminà, D'Urso e Ogliari in difesa. Pucello, Livai e Croce a centrocampo. Lisi, Improta e D'Antoni di punta.
Indisponibili per squalifica Luca Cichella e Sosi. Out per infortunio il mediano D'Aniello.
L'obbiettivo per la trasferta di domani in terra marchigiana è ovviamente quello di riportare a casa punti preziosi per la corsa salvezza. Evitare i play-out che, al momento, resta l'unico target stagionale come confermato a più riprese dal patron giuliese Bruno Sabatini.
Sangiustese-Giulianova si disputerà alle ore 15.00 allo stadio Bruno Recchioni di Fermo. Questo in quanto l'impianto di Monte San Giusto, il Comunale di soli 1.000 posti, non è a norma per ospitare incontri di seconda divisione. Dirigerà l'incontro Dario Zeoli della sezione di Napoli. Guardalinee Calò e Battista.

CELANO. Archiviato l'impegno di Coppa Italia Lega Pro col Pescara il Celano è impegnato domani sul campo della Giacomense. Da riscattare c'è l'immeritato 2-2 di domenica scorsa in casa col Bassano. Risultato profondamente ingiusto caratterizzato da diverse decisioni errate del direttore di gara. I celanesi a Masi San Giacomo, causa la triste eredità del pareggio con il Bassano, dovranno rinunciare per squalifica a Morgante e Perricone. Per infortunio a Pepe. Linea difensiva dunque tutta da inventare per il tecnico Modica, che in Coppa con il Pescara ha provato qualche nuova soluzione nel pacchetto arretrato. Scontata ad ogni modo la conferma del collaudatissimo 4-3-3. Vurchio tra i pali. Rossini, Zanon, Scrozzo e Zaccardi in difesa. Giunchi, Mignogna e Fanelli trio di centrocampo. Tridente offensivo affidato alla classe ad alla velocità di Negro e Villa sugli esterni a supporto di Dionisi perno centrale. In panchina, tra gli altri, Meloni ed Osso Armellino. Entrambi tra i più positivi nell'impegno infrasettimanale di Coppa col Pescara.
Il tecnico della Giacomense Benuzzi, invece, dovrebbe confermare a grandi linee lo stesso undici che ha battuto sette giorni fa in casa la Colligiana. Certi del posto Menengon in porta, Minardi e Schiavon in difesa, Vagnati, Gherardi e Nicolini a centrocampo. Rossi e Gennari in avanti col possibile inserimento di Perelli a partita in corso.
Il club romagnolo, come il Celano, è stato impegnato nel primo turno della Coppa Italia Lega Pro. I grigiorossi sono stati sconfitti per 2-0 nel derby con la Spal.
Giacomense-Celano verrà arbitrata da Daniele Bindoni di Venezia. Assistenti Albino e Cerantola.
Appuntamento domani alle 15.00 allo stadio Paolo Mazza di Ferrara. Campo sotto deroga della Lega in quanto lo stadio Benito Villani di Masi San Giacomo non è a norma per ospitare match di seconda divisione.

Andrea Sacchini 11/10/2008