Lanciano. Domenica al Biondi con il Potenza per il pronto riscatto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1371


LANCIANO. La sonora sconfitta di domenica 3-0 in casa del Benevento, dopo il meritato successo di una settimana prima con il Sorrento, ha riportato sulla terra l'undici di Di Francesco. Il Lanciano è incappato nel primo rovescio stagionale, al cospetto però di una delle compagini meglio attrezzate della categoria.
Un rovescio che non desta però particolari preoccupazioni per il futuro. L'obbiettivo stagionale, dopo l'ultimo difficile campionato, è quello di una salvezza tranquilla.
Il Lanciano dispone ad oggi di un parco giocatori validissimo, che però necessita di maggior tempo per amalgamarsi. Bordeanu, Oshadogan, El Kamch e Volpe sono solo alcuni dei grandi nomi che la famiglia Maio ha messo a disposizione del tecnico Di Francesco. Su tutti poi spicca il nome di Morante, bomber di razza che proprio nella cittadina frentana cercherà il riscatto dopo un paio di stagioni piuttosto deludenti.
Domenica al Biondi arriva il Potenza, fanalino di coda con due sconfitte ed un mesto -3 in classifica generale. L'occasione per il pronto riscatto è ghiotta anche considerando il livello tecnico non eccelso dell'avversario.
Per la terza giornata Eusebio Di Francesco dovrebbe confermare a grandi linee lo stesso undici di Benevento. Bolic, Vincenti e Mammarella in difesa, con il possibile inserimento di Oshadogan e Volpe-El Kamch in mediana. Il tecnico dovrà inoltre scegliere a chi verrà affidato il ruolo di estremo difensore.
Non sono da escludere inoltre alcune novità soprattutto nel reparto offensivo. Potrebbe infatti essere schierato dall'inizio Morante, l'acquisto principe del mercato rossonero. Morante però, nella manciata di minuti disputati a Benevento, è apparso visibilmente in ritardo di condizione fisica.
Per il match con il Potenza mancheranno sicuramente gli infortunati Turchi, Colussi e Pagliarini.
Nel frattempo si è aggregato al gruppo Vincenzo Aridità. Il giovane portiere ex Pescara, classe 1985, era senza contratto e con ogni probabilità per il momento porterà i gradi di titolare. Questo per il protrarsi dei problemi fisici del rumeno Bordeanu e per la squalifica di un turno comminata al secondo portiere Rossellini. Vincenzo Aridità porta in dote una discreta esperienza sui campi di serie C, avendo ricoperto qualche stagione fa il ruolo di estremo difensore titolare della Pro Vasto. Nello scorso campionato, tra le fila biancazzurre, ha totalizzato una presenza dal primo minuto in occasione della vittoriosa trasferta del Pescara ad Ancona.
Con l'ingaggio di Aridità il mercato del Lanciano, almeno fino al prossimo gennaio, può considerarsi chiuso.

Andrea Sacchini 10/09/2008