Pallanuoto/ Walter Polis: «dobbiamo tornare grandi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1847






PESCARA. Inizia ufficialmente lunedì 15 settembre la nuova stagione della WaterPolis Pescara Pallanuoto; la stagione del riscatto.
«Come prima cosa», ha detto il direttore generale Marco D'Agostino, «mi preme sottolineare che la novità più importante rispetto alle scorse stagioni è l'obiettivo di ripristinare un solido settore
giovanile e lo faremo ripartendo dalle basi, dalla scuola nuoto.
In società abbiamo sempre sostenuto l'importanza di un forte settore giovanile, sarebbe impossibile senza esso continuare a competere a grandi livelli».
Invece per quanto riguarda le prime squadre «si è lavorato molto in estate», ha detto D'Agostino, «per garantire ad entrambi i tecnici una squadra all'altezza del campionato e soprattutto del nostro palmares.
Prima di parlare della squadra, devo sottolineare l'importanza di aver riconfermato il mister Paolo Bocchia, che ha fatto benissimo nella scorsa stagione, ha soprattutto lavorato bene con i giovani, e questo è quello che cerchiamo da un allenatore».
Mancano, solo alcuni tasselli per completare la rosa che affronterà il campionato 2009, «sono però sicuri gli arrivi di tre fortissimi rinforzi, tre pallanuotisti di categoria superiore».
Il primo, Massimiliano Gorrino, viene da un ottima stagione in A1 con il Chiavari, condita da 31 goal tutti su azione, un centroboa che «siamo sicuri saprà regalarci tante soddisfazioni e ripagherà lo
sforzo economico che la società ha sostenuto per portarlo in riva all'Adriatico».
Il secondo è una vecchia conoscenza per gli amanti della pallanuto, Marco Torreti, la passata stagione all'Acilia, un bomber di razza che in coppia con il capitano Matteo Casini costituirà un pericolo costante per le difese avversarie.
In ultimo un promettentissimo giovane classe 1987, Antonello Padolecchia, preso dal Bari Nuoto, dopo averlo notato nella scorsa stagione. «Antonello è un ragazzo splendido», ha detto il dg, «e saprà integrarsi perfettamente nel nostro gruppo ed essere il jolly che cercavamo, l'uomo tuttofare che macinerà tanti chilometri in acqua».
«Anche quest'anno partiamo da favoriti», ha aggiunto Arturo Ciancarelli, presidente della WaterPolis. «Nella scorsa stagione di certo non ci ha portato fortuna, alla fine non c'è rimasto che
recriminare; adesso non possiamo sbagliare, riconquistare la serie A e l'obiettivo numero uno, dobbiamo lottare tutti dal primo all'ultimo per farcela e tornare grandi».
09/09/2008 11.45