Pattinaggio. A Roccaraso i Campionati europei

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1306

ROCCARASO. Comincia oggi, lunedì 1 settembre, la lunga kermesse dei Campionati Europei di pattinaggio artistico che fino al 6 settembre vedrà protagonisti al Palaghiaccio “Bolino” di Roccaraso oltre 150 atleti delle categorie cadetti e jeunesse provenienti da Austria, Francia, Germania, Gran Bretagna, Israele, Olanda, Portogallo Slovenia Spagna, oltre ovviamente alla nazionale italiana chiamata ancora una volta a ribadire la leadership internazionale in questa specialità.
La giornata inaugurale dei Campionati prevede un programma subito molto significativo: in mattinata Sabatino Aracu, presidente della Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio e della Federazione Internazionale Roller Sports e il Sindaco Armando Cipriani, presso la Sala Consigliare del Comune di Roccaraso, consegneranno gli attestati di partecipazione agli oltre 100 allenatori provenienti da tutto il mondo che hanno partecipato in questi giorni allo Stage Internazionale.
In serata alle 20.30 il Gran Galà con la partecipazione dei fuoriclasse del pattinaggio artistico e di oltre 200 bambini anche loro protagonisti dello stage: tra i tanti grandi atleti presenti è doveroso citare i Campioni del Mondo Tanja Romano, Roberto Riva, Luca D'Alisera, Emanuela e Marco Bornati, gli azzurri abruzzesi Debora Sbei (campionessa mondiale juniores), Annalisa Graziosi, Andrea Aracu, il Gruppo dello Skating Club Albinea (Reggio Emilia). A seguire si svolgerà la cerimonia di inaugurazione dei Campionati con la sfilata delle 10 rappresentative e gli inni nazionali.
Esprime grande soddisfazione Sara Locandro, nella duplice veste di responsabile della Scuola Italiana pattinaggio e presidente del Comitato Organizzatore:«L'idea di promuovere lo Stage Internazionale subito prima dei Campionati Europei fa parte di un progetto molto ambizioso che tende a riunire in un unico grande evento le varie componenti del pattinaggio: l'aggiornamento tecnico, l'entusiasmo delle giovani leve ai primi passi in questa disciplina così affascinante, lo spettacolo, la gara internazionale, la possibilità di unire lo sport al turismo. Avevamo il timore di fare il passo più lungo della gamba ma terminato lo Stage , quando siamo a metà del percorso complessivo, posso affermare che la scommessa è stata vinta. Abbiamo avuto tecnici australiani, neozelandesi, argentini e in genere da tutta Europa, e Il fatto che tanti allenatori abbiano affrontato trasferte così lunghe per seguire le nostre lezioni è un'attestazione di stima che ci riempie di orgoglio».
Dal punto di vista tecnico le gare che stanno per iniziare avranno negli azzurrini del Commissario Tecnico Antonio Merlo i protagonisti più accreditati per la vittoria delle 16 medaglie d'oro in palio.
01/09/2008 8.55