Colasante al Pescara. Cessione o allargamento della base societaria?

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3350


PESCARA. L'imprenditore frentano Antonio Colasante è vicino a rilevare parte del pacchetto azionario della Pescara calcio. L'accordo tra l'imprenditore frentano e l'attuale proprietario Gerardo Soglia sarebbe stato trovato sulla parola.
Nelle mani di Colasante transiterebbero il 50% circa delle quote. Potrebbe essere il primo passo verso il disimpegno dei Soglia dalla Pescara calcio o il tentativo di allargamento della base societaria del club.
Gerardo Soglia, da questo punto di vista, ha sempre fatto capire di essere disponibile all'ingresso di nuovi soci.
Nei prossimi giorni sono attese novità importanti a riguardo. Le parti ad ogni modo hanno già avuto più di un incontro.
Francesco Soglia in compagnia del direttore della Caripe Dario Mancini e lo stesso Colasante.
Manca però ancora la firma che in queste circostanze è forse l'unica cose che conta per davvero.
In molti però la ritengono una pura formalità allo stato attuale delle cose.
L'accordo economico si aggirerebbe sui 900mila euro.
Colasante, ovviamente, ricoprirà un incarico importante in società.
Si parla del ruolo di Amministratore delegato.
Gerardo Soglia resterà presidente almeno nel primo periodo nell'eventualità di allargamento della base societaria. In caso di disimpegno la carica di patron verrà ricoperta da Colasante.
Quella che fino a pochi giorni fa era una voce, dunque, potrebbe rappresentare verità. Il tutto quando Gerardo Soglia solo la settimana scorsa aveva negato, dopo l'affondo del gruppo Oliveri, ogni contatto a livello societario.
Nel frattempo per quanto riguarda il mercato, ieri è stato l'ultimo giorno per la risoluzione delle comproprietà. Il Pescara ha rinnovato la propria compartecipazione con la Fiorentina per Zappacosta. Si andrà alle buste invece per Carozza, Pepe e Paponetti. Dei tre probabilmente solo il primo approderà in riva all'Adriatico.
Brutte notizie per i biancazzurri giungono però dalla risoluzione delle comproprietà. Del Core infatti contrariamente alle attese è stato interamente riscattato dal Foggia. Sfuma dunque la trattativa per il veloce attaccante, che in caso di riscatto da parte del Catania sarebbe potuto entrare nell'affare Vitale. Il terzino a questo punto rimarrà un altro anno a Pescara a meno di offerte irrinunciabili del club etneo. Nessuna novità di rilievo infine per quanto riguarda le situazioni di Romito e Sansovini.

Andrea Sacchini 26/06/2008