Pescara. Si pensa agli acquisti, ma non sono da escludere cessioni importanti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1286

PESCARA. Inizia una settimana importante per il Pescara. Il calciomercato infatti, che aprirà i battenti ufficialmente il prossimo primo luglio, per i biancazzurri entra nel vivo dopo l'ingaggio del neo tecnico Galderisi.
Il DS Gentile, al fine di colmare le ultime lacune dell'attuale organico, sta sondando il mercato alla ricerca di rinforzi capaci di far fare un ulteriore salto di qualità alla rosa, già di prim'ordine.
Ancora congelate le posizioni di Romito e Sansovini, per i quali a giorni è atteso un incontro chiarificatore rispettivamente con Napoli e Grosseto, le prime mosse importanti potrebbero giungere dal mercato degli svincolati. Come già detto nei giorni scorsi numerosi pallini ex Foggia di Galderisi sono attualmente fuori contratto. Appare più vicino che mai Biancone, che nell'ultimo anno ha fatto discretamente bene a Foggia.
Per la difesa si cercherà un rinforzo, due qualora dovesse naufragare la trattativa per il riscatto di Romito. In pole position al momento ci sarebbero Zanetti e Russo. Entrambi hanno le caratteristiche giuste cercate sia dal tecnico sia dalla società.
Nelle prossime ore, inoltre, verrà fatto l'ultimo tentativo per Ignoffo, che vanta numerose richieste da sodalizi di serie C.
Per quanto riguarda il centrocampo sembra definitivamente sfumato il passaggio del mediano Coletti al Pescara. Tutto come previsto date le richieste troppo esose del club pugliese.
Riguardo gli acquisti il nome più gettonato è quello di Umberto Del Core, talentuoso attaccante capace di ricoprire anche ruoli offensivi sulla fascia. Il cartellino della punta appartiene in comproprietà a Foggia e Catania. Il club siciliano comunque, che ha intenzione di riscattare il suo cartellino, potrebbe girare al Pescara la comproprietà di Del Core probabilmente come contropartita nell'ipotetico affare Vitale. Il giovane terzino sinistro abruzzese infatti, non è un mistero, è entrato già da tempo nelle mire del sodalizio catanese. Nell'eventualità di cessione ad ogni modo, anche se molto difficile, sarebbe già pronto il suo sostituto. Si tratta di Nicola Mora, che ha già giocato sei mesi all'Adriatico nella disastrosa stagione 2006/2007.
Da definire anche il futuro di Dettori, anche se la partenza del giovane regista da Pescara sembra poco percorribile. Sarebbe infatti strano rinunciare ad un giocatore di tale talento e duttilità tattica se il vero obiettivo di quest'anno sarà, come detto in diverse occasioni dalla proprietà, quello di tentare di vincere il campionato. Dettori inoltre, fatto ancora più importante, è giunto in maglia biancazzurra solo a gennaio e c'è da credere che, se dovesse fare nuovamente le valigie, sarà solo per una offerta irrinunciabile proveniente da categorie superiori. Questo anche per un discorso imprenditoriale visto che il regista ex Potenza, con un ulteriore campionato ad alto livello alle spalle, potrebbe valere molto di più della valutazione attuale.
Per quanto riguarda lo staff tecnico, lo stesso nelle prossimo ore verrà completato. Al momento l'unico confermato rispetto la passata stagione è Bruno Federici, allenatore dei portieri.
Sembra infine ad un passo dall'addio Di Mascio, che vorrebbe provare ad allenare dopo tanti anni di giovanili una prima squadra. Approderà al nuovo Lanciano della famiglia Maio. Resta solo da convincere il Pescara.

Andrea Sacchini 16/06/2008