C2/B. Teramo e Giulianova al lavoro per un futuro migliore

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1787

TERAMO. Prosegue la delicata vicenda societaria in seno al sodalizio calcistico teramano. L'imprenditore più attivo per la salvezza del Teramo, come confermato dall'interessato e soprattutto dai fatti, sembra essere l'imprenditore teramano Aldo Di Francesco, vero e proprio collante di ogni cordata di imprenditori interessata a rilevare l'intero pacchetto azionario del diavolo. Entro la prossima settimana dovrebbero esserci importanti novità nel bene o nel male. Gli ultimi giorni, a conferma di ciò, hanno visto soltanto incontri informali ed interlocutori tra le parti coinvolte.
Al momento in lizza ci sarebbero le solite due cordate, formato dal gruppo imprenditoriale romano Gestel e dal principe libico Idris Al Senussi, che non ha mai nascosto il personale desiderio di fare qualcosa di importante per la città.
Il tempo però stringe ed ovviamente bisognerà fare in fretta per non danneggiare ulteriormente il campionato del Teramo che verrà.
Per ottenere nel frattempo le liberatorie dei calciatori, uno dei requisiti indispensabili all'iscrizione alla prossima serie C2, entro lunedì dovrebbero essere garantite ai giocatori le ultime mensilità. I calciatori biancorossi, dunque, saranno attesi in sede alla spicciolata per firmare tali liberatorie.
Bloccato, ovviamente, il calciomercato estivo, almeno fino all'insediamento della nuova proprietà. Da sciogliere in futuro anche il nodo allenatore, con l'oramai ex tecnico Leonardo Rossi libero di accasarsi altrove.

GIULIANOVA. Il patron giallorosso Sabatini continua a lavorare con pieno impegno per risolvere la questione della rateizzazione dell'Iva pregressa, uno dei requisiti indispensabili all'iscrizione al prossimo campionato di serie C2. Al momento l'unico problema sarebbe rappresentato dalla lunga coda di richieste di consulenza agli sportelli della Equitalia, l'istituto di credito dal quale il Giulianova inoltrerà la richiesta di rateizzazione dell'Iva.
Malgrado l'attenzione del club sia quasi esclusivamente rivolta sulla questione iscrizione, in società si pensa già al mercato estivo.
L'obiettivo principe è quello di confermare in blocco il reparto difensivo, il più affidabile dell'ultima stagione disputata. Per quanto riguarda il centrocampo l'unico quasi certo di partire è Croce, inseguito da diverse compagini soprattutto di categoria superiore. Il Giulianova, una volta confermati i prezzi pregiati della rosa, getterà uno sguardo sul reparto attaccanti, quello più bisognoso di nuovi innesti dopo l'inevitabile partenza di Melchiorri e Campagnacci che erano in riva all'Adriatico soltanto in prestito secco. Per quest'ultimo la società ha fatto con il Perugia un timido tentativo, ma il fatto che gli umbri resteranno in C ha fatto definitivamente tramontare l'ipotesi del ritorno della brevilinea punta.
Paponetti al contrario ha tantissime chance di restare a Giulianova anche l'anno prossimo. Il giocatore, in comproprietà con il Pescara, sarebbe ben felice di continuare l'avventura in giallorosso. I due sodalizi adriatici si incontreranno a giorni per definire la questione, che si risolverà o con la cessione definitiva dell'intero cartellino al Giulianova oppure con il rinnovamento della comproprietà già esistente.
Il capitano giallorosso Bettini, nel frattempo, è ad un passo dalla cessione. Il Figline, neo promosso in C2, starebbe chiudendo a suo favore la trattativa per il difensore, che vorrebbe concludere la propria carriera in Toscana, riavvicinandosi in questo modo alla sua famiglia.
Per quanto riguarda l'ufficializzazione del nuovo tecnico, la stessa verrà data con ogni probabilità non prima dell'avvenuta iscrizione al prossimo campionato. In pole position, ovviamente, c'è Leonardo Bitetto, autore di una seconda metà di campionato ottima sulla panchina dei giuliesi. Tecnico e società sarebbero già d'accordo sul rinnovo, si attende appunto la risoluzione della grana iscrizione, al momento ad un passo dalla felice risoluzione.

a.s. 30/05/2008