Play-off C2/C. Festa Celano che raggiunge la finale. Disperazione Pescina

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1283


AVEZZANO. Al termine di 180 minuti intensi e combattuti considerando anche il match dell'andata, il Celano esulta mentre a piangere è la Valle Del Giovenco. L'1-1 maturato ad Avezzano, unito al successo del Piccone, fa festeggiare i celanesi.
Era inevitabile l'eliminazione di una delle due compagini marsicane. Grande Celano che raggiunge la finale play-off per la promozione in C2, ma un grandissimo applauso va anche tributato al Pescina. Avrebbero entrambe meritato certamente la finale ma nel calcio, si sa, ad esultare è sempre e solo una squadra.
Match equilibrato sin dai primi minuti, con il Celano subito in vantaggio al 14esimo nella prima vera e propria occasione da gol della partita. Rapido contropiede orchestrato da Mignogna che serve in velocità Dionisi, appena fuori l'area di rigore da posizione decentrata, abile a freddare in controtempo il portiere biancoverde indirizzando la palla sul secondo palo.
Il primo tempo termina senza particolari occasioni da gol né da una parte né dall'altra, con entrambi i portieri ottimi a neutralizzare senza problemi le velleitarie conclusioni dalla distanza dei due reparti offensivi. Da ricordare per la Valle Del Giovenco al 25esimo un tiro alto di Di Pasquale a tu per tu con Di Felice ed alla mezzora per il Celano un palo pieno colpito da Mignogna direttamente su calcio di punizione dal limite.
All'undicesimo della ripresa il definitivo 1-1 realizzato dal Pescina. Calcio di punizione dalla sinistra calciato da Laboragine verso il cuore dell'area di rigore, sfiora di testa Arcamone quel tanto che basta ad ingannare l'intervento dell'estremo difensore De Felice.
Sembra tutta un'altra Valle Del Giovenco ma è solo una sensazione illusoria in quanto i biancoverdi, sfavoriti da una tenuta atletica insufficiente, non hanno creato praticamente nessun grattacapo al portiere celanese De Felice. Addirittura sul finire è stato il Celano a sfiorare la rete del ko con una conclusione di Giannusa splendidamente respinta da Mandrelli.
Il tecnico della Valle Del Giovenco, Cappellacci, ha optato per il 4-4-2 con il seguente undici titolare: Mandrelli, Celli, Lonardo, Filippi, Silvestri, Sansone, Giordano, De Angelis, Laboragine, Di Pasquale e Arcamone. In corso d'opera hanno fatto il loro ingresso in campo Bettini, Pomponio e Berra.
Modica ha risposta disegnando il suo Celano secondo i canoni del 4-3-3: De Felice, Zanon, De Maiò, Morgante, Bacchi, Scoponi, Giannusa, Graziano Villa, Mignogna, Dionisi e Negro. Sono entrati nella ripresa Gadau, Contino e Barraco.
Spettacolo assoluto sugli spalti con lo stadio Dei Marsi di Avezzano che, come nelle previsioni, ha fatto registrare il pienone con notevole presenza anche dei sostenitori celanesi.
Festa per il Celano che raggiunge la finale, mentre per la Valle Del Giovenco decisivo è stato un finale di stagione disastroso, culminato oggi (ieri per chi legge, ndr) con la decima partita consecutiva senza vittoria considerando spareggi e coda di torneo regolare.
Il Celano ora guarda alla finale con ottimismo, certo di non avere nulla da perdere dopo una stagione esaltante, la migliore di tutta la storia dei biancazzurri. La Valle Del Giovenco da oggi guarderà al prossimo campionato, certo di una base tecnica di valore assoluto per la categoria con una forte società alle spalle. Partiranno probabilmente alcuni prezzi pregiati dell'organico, il fantasista Sansone su tutti, ma l'obiettivo certamente dovrà essere quello di disputare un campionato all'altezza delle giuste aspettative della tifoseria biancoverde.

LA FINALE PLAY-OFF C2/C

La finale dei play-off del girone C vedrà il Celano affrontare la Real Marcianise, che ha eliminato la Vigor Lamezia. Gli abruzzesi sono la compagine peggio piazzata nella stagione regolare e giocheranno il match di andata in casa, al Piccone, il primo giugno. Ritorno in terra campana l'otto dello stesso mese.

A.S. 26/05/2008 8.00