Il Lanciano calcio passa nelle mani della famiglia Maio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3621



LANCIANO. Dopo lunghi mesi funestati da vicende societarie disastrose e poco chiare, il Lanciano ha finalmente una nuova proprietà. È la famiglia Maio che, con questa mossa, salva il club dalla scomparsa dal calcio che conta. Adesso il nuovo patron dovrà chiedere l'affiliazione alla Figc ed impegnarsi a pagare i debiti che il sodalizio vanta nei confronti della Federazione e dei tesserati. Al momento l'esposizione debitoria si aggira sui 450mila euro che, ovviamente, Franco Maio ha già assicurato di pagare.
Erano ormai un paio di mesi che il nome di Franco Maio girava negli ambienti frentani, ma si è dovuta attendere soltanto la conclusione dell'ultima asta, tenutasi ieri.
A questo punto, definita la proprietà e risolte tutte le incombenze con federazione e tesserati, da stabilire ci saranno soltanto i quadri tecnici. Gli stessi, ad ogni modo, erano stati già definiti con precisione prima della positiva conclusione dell'asta di ieri. Valentina Maio ricoprirà il ruolo di presidente mentre vicepresidente sarà Guglielmo Maio, entrambi figli di Franco Maio. Sia Valentina sia Guglielmo, ad ogni modo, avranno pieno potere di firma. Per quanto riguarda gli altri ruoli, Franco Oddo potrebbe essere il nuovo Direttore Generale mentre è ancora da definire la posizione di Francesco Diomede, che sarà comunque inserito a meno di sorprese nei nuovi quadri tecnici.
Sempre per quanto riguarda l'asta quella di Franco Maio, 300mila euro più la cauzione di 110mila euro, è stata l'unica offerta pervenuta. L'insediamento della nuova società ad ogni modo non è stata una sorpresa, considerata quella di ieri l'ultima data disponibile per salvare il calcio lancianese. Franco Maio, attualmente, opera nella raccolta e nello smaltimento dei rifiuti.
I tifosi rossoneri, dopo la peggiore presidenza della storia sportiva lancianese, si augurano l'inizio di una nuova era ricca di soddisfazioni. Le premesse, la solidità economica del gruppo Maio in primis ma soprattutto la grande voglia di far bene dello stesso, sono ottime e se il buongiorno si vede dal mattino i sostenitori frentani possono davvero dormire sonni tranquilli per il futuro.

DOMANI LANCIANO-JUVE STABIA AL BIONDI

Ultimo allenamento ieri per il Lanciano nel ritiro di Giulianova ed in serata la partenza per Lanciano. L'attenzione del gruppo ,ovviamente, è tutta rivolta alla decisiva doppia sfida play-out con la Juve Stabia. Si inizia domani alle ore 16.00 al Biondi.
Nella squadra, come è logico che sia, la notizia dell'insediamento della nuova proprietà è stata accolta molto positivamente. C'è da credere che, dopo mesi di profonda incertezza, la squadra trarrà giovamento dalla nuova situazione societaria venutasi a creare. In tal senso, Franco Maio ha già incontrato i giocatori rossoneri a testimonianza della vicinanza della società e del fatto che la stessa ora esiste ed è forte.
Per domani, nel frattempo, ci sono da registrare le indisponibilità certe di Pintori e Vitale. Dei due per la gara di ritorno l'unico recuperabile è il terzino di fascia sinistra.
Nella Juve Stabia, invece, mancheranno Marino, Magliocco, Correale, Sabatino e Prisco.
Per salvarsi, in virtù del peggior piazzamento in classifica, il Lanciano è costretto alla vittoria in almeno una delle due sfide salvezza. In caso di sconfitta, i rossoneri dovranno prevalere nella differenza reti. Al contrario infatti si schiuderebbero le porte della C2.

Andrea Sacchini 17/05/2008