C2/C. Rush finale per Celano, Val Di Sangro e VDG

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

927



VALLE DEL GIOVENCO. La Valle Del Giovenco, dopo la sconfitta di qualche settimana fa con il Benevento, non è più la formazione brillante di inizio e metà torneo. La delusione per non aver raggiunto la promozione diretta in C1 e soprattutto la mancanza di motivazioni a seguito del consolidamento con largo anticipo del secondo posto, hanno un po' condizionato la parte finale del torneo dei biancoverdi che, comunque vadano i play-off, verrà ricordato senza dubbio positivamente.
Da questo punto di vista, però, il Pescina ha il grande vantaggio di pensare già agli spareggi promozione rispetto tutte le altre formazioni ancora in lotta per le altre tre piazze play-off.
Modica, da qui a metà maggio, ha tutto il tempo per recuperare mentalmente e fisicamente diversi giocatori. In queste ultime tre fatiche di campionato, inoltre, è previsto un largo utilizzo del turnover, con l'impiego di parecchi giocatori che in campionato hanno trovato poco spazio.
In vista di domenica la Sangiuseppese, prossimo avversario degli abruzzesi, perde per squalifica Pignalosa.

CELANO. In casa Celano si temeva per la squalifica superiore la singola giornata di Dionisi, espulso nel finale di Melfi. I timori del club, fortunatamente, non hanno trovato conferma in quanto la punta biancazzurra è stata appiedata per un solo turno.
Dionisi, dunque, tornerà a disposizione di Modica nell'impegno in trasferta sul campo dell'Andria.
Rientrano nell'undici titolare già da domenica invece Pepe e Morgante, che faranno coppia centrale in difesa. Entrambi infatti hanno saltato la partita di Melfi per squalifica.
Il giudice sportivo inoltre, per quanto riguarda la Scafatese, ha appiedato per un turno Calanchi che di conseguenza sarà indisponibile con in Celano.
Il tecnico Modica alla ripresa degli allenamenti ha dovuto anche valutare le condizioni fisiche, apparse buone, di De Maiò e Zanon che già a Melfi non erano al top della forma.
Dopo lo stop in terra basilicatese, con la Scafatese sono d'obbligo i tre punti per continuare a cullare il sogno play-off. Al momento, a tre giornate dal termine del torneo, c'è un solo punticino da difendere con le unghie e con i denti dall'assalto della Vigor Lamezia.
Infine grande soddisfazione per club, giocatori e tifosi è stata la decisione del consiglio comunale di Celano di dedicare, alla memoria dello sfortunato dirigente biancazzurro Fabio Piccone, il nome del Nuovo Stadio Comunale.

VAL DI SANGRO. La trasferta di Avezzano con la Valle Del Giovenco ha confermato il grande momento di forma attraversato dai sangrini, che negli ultimi turni hanno conquistato la bellezza di undici punti in sei giornate. Una media punti quasi di due a partita, che hanno riproposto con forza la candidatura della Val Di Sangro ad abbandonare l'ultimo posto in classifica.
Domenica al Monte Marcone di Atessa i sangrini riceveranno la visita del Melfi, tranquillo in posizione di medio alta classifica dopo il successo con il Celano.
Le buone prestazioni in trasferta ma soprattutto le tre vittorie consecutive in casa nell'ultimo mese hanno accorciato la classifica per gli abruzzesi, distanti solo due lunghezze dal trio Andria, Scafatese e Sangiuseppese. Per questo c'è grande fiducia nell'ambiente della Val Di Sangro, che contro il Melfi cerca i tre punti che, con ogni probabilità, le consentirebbero di abbandonare dopo tanti mesi l'ultimo posto della graduatoria. Per far ciò, oltre ovviamente ai tre punti, gli abruzzesi dovranno fare il tifo per le corregionali Celano e Valle Del Giovenco, impegnate rispettivamente con Scafatese e Sangiuseppese, per coincidenza le dirette avversarie del sodalizio sangrino.
In vista del delicato impegno con i basilicatesi, nel frattempo, la squadra è tornata ieri ad allenarsi agli ordini del tecnico Luciano D'Agostino. Sono indisponibili causa infortunio Bernardi, Sanguinetti e Arcuri. Il loro recupero per il match con il Melfi è molto difficile.
Infine il giudice sportivo non ha squalificato nessun giocatore della Val Di Sangro. Per i gialloverdi, invece, stop di un turno per Bacchiocchi.

Andrea Sacchini 16/04/2008