C2/B. Ripresa dei lavori per Giulianova e Teramo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

820



TERAMO. Il Teramo ha ricominciato ieri gli allenamenti in vista dell'impegno interno di domenica con il Viareggio. L'occasione è ghiotta per gli uomini di Leonardo Rossi di archiviare definitivamente il discorso salvezza con due giornate di anticipo. Il Viareggio, infatti, staziona a metà della graduatoria del girone B, a due lunghezze dagli abruzzesi. Un successo permetterebbe al Teramo di conquistare anche matematicamente la salvezza. Il tutto, naturalmente, qualora al club biancorosso non venga sottratto alcun punto in classifica. Il patron Paolone, da questo punto di vista, appare tranquillo ed i fatti non dovrebbero smentirlo. Il Teramo rischia, con ogni probabilità, una pena pecuniaria o la decurtazione di un solo punto.
L'eventuale sentenza, ad ogni modo, non dovrebbe influenzare più di tanto il rush finale dei diavoli, che possono in classifica stare tranquilli in virtù del grande numero di squadre che si frappongono tra gli stessi e la quintultima piazza. Oltre a ciò i cinque punti di vantaggio sulla zona play-out sono tanti per affrontare con tranquillità le ultime tre fatiche del torneo con Carrarese, Bellaria ed appunto Viareggio.
Infine il giudice sportivo ha squalificato per un turno il giocatore del Teramo Cerchia. Per il Viareggio stop di due turni per Belluomini, che salterà forzatamente la trasferta in terra d'Abruzzo.

GIULIANOVA. Le ottime prestazioni del Giulianova, in special modo nel girone di ritorno, sono da attribuire in grande misura alla solidità del pacchetto arretrato giallorosso. Bettini e compagni infatti, numeri alla mano, costituiscono una delle retroguardie meno battute del torneo, con soli 27 gol al passivo. Tale invidiabile dato colloca il Giulianova come terza difesa del torneo.
Le negatività, fino ad ora, sono soprattutto da assegnare al reparto offensivo dei giuliesi che, quasi a dimostrare nei fatti la legge del contrappasso, è uno dei meno prolifici del campionato. Solo 22 reti realizzate in 31 partite disputate. Per una media inferiore di un gol a partita.
Il successo con il CuoioCappino, per fortuna, da un certo punto di vista ha rappresentato una positiva rottura di continuità per l'attacco degli abruzzesi, andato in gol per ben due volte.
Grande merito, con ogni probabilità, va attribuito alla rivoluzione tecnica portata dal calciomercato invernale, dalla quale sono giunti importanti rinforzi per il pacchetto avanzato. Uno su tutti Luca Paponetti, che a Giulianova sembra aver trovato finalmente l'ambiente giusto per affermarsi dopo le difficoltà vissute nelle sue ultime stagioni a Pescara.
I giuliesi, domenica, sono attesi dalla proibitiva trasferta di Reggio Emilia. La Reggiana, prima della classe in coabitazione del Bassano, è il peggior avversario che si potesse trovare in questo momento, sia per la grande qualità tecnica individuale dei giocatori granata e sia per l'esaltante momento mentale che la Reggiana vive attualmente. Solo domenica, infatti, gli emiliani hanno agguantato in testa alla classifica il Bassano.
Il giudice sportivo, infine, non ha squalificato nessun giocatore né del Giulianova né della Reggiana.

Andrea Sacchini. 16/04/2008