Dettori: «vogliamo i play-off. Chi insegue è il favorito»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1253

PESCARA. È stato uno degli acquisti più azzeccati della sessione invernale di calciomercato. Al Pescara serviva un centrocampista dai piedi buoni, abile sia nella costruzione del gioco sia in fase di interdizione.
È arrivato Francesco Dettori. Dopo un iniziale periodo di logico ambientamento in una realtà importante certamente diversa da quella di Potenza, il centrocampista biancazzurro è diventato il leader del centrocampo pescarese dimostrando, soprattutto in occasione delle ultime partite, di essere un giocatore di certa categoria superiore.
Malgrado Dettori sia uno dei giocatori che, con i suoi continui e pericolosi inserimenti senza palla, nel corso della partita vanno più volte al tiro verso lo specchio della porta, solo domenica con la Pistoiese è arrivato al primo gol. Una marcatura, di testa su cross preciso dalla destra di Felci, da vero opportunista, quasi da attaccante navigato: «si, sapevamo prima della partita che, con i due centrali della Pistoiese lenti, l'inserimento senza palla era il modo migliore per far gol. Ci siamo riusciti fortunatamente ad inizio partita ed abbiamo evitato le stesse difficoltà incontrate nello 0-0 con la Juve Stabia di fine gennaio».

A GALLIPOLI OBIETTIVO VITTORIA

Quando si parla della trasferta a Gallipoli si fa soprattutto riferimento al campo da gioco del Bianco, di dimensioni ridotte ai limiti del regolamento e soprattutto in erba sintetica. Dettori ha già giocato quest'anno a Gallipoli, quando nel girone di andata indossava la maglia del Potenza: «sì ci ho giocato e ti dico che è impossibile giocare su di un campo così. La palla rimbalza diversamente e le dimensioni sono eccessivamente ridotte. Secondo me non è un campo da calcio in quanto è più adatto al calcetto».
I padroni di casa, al Bianco, hanno costruito la loro classifica: «non poteva essere diversamente. Sono abituati a giocare su questo terreno e per loro è una fortuna».
Il Gallipoli tecnicamente è una delle più quotate del torneo, il centrocampista del Pescara lo sa bene: «in questa stagione la società pugliese ha speso tanto, ha acquistato diversi giocatori importanti e certo non hanno raccolto quanto speravano. Anche per questo da poco hanno anche cambiato allenatore. Più che per noi, questa partita è per loro forse l'ultima occasione per agganciare nuovamente il treno play-off».
I pugliesi, secondo Francesco Dettori, non è certo il tipo di avversario ideale da affrontare, non soltanto per le strane caratteristiche del terreno di gioco: «è il peggiore avversario che potevamo incontrare non soltanto per il campo. Oltre ad essere una squadra tecnicamente valida, vengono da una brutta sconfitta subita a Sorrento. Questo certamente darà loro grande carica per cercare di batterci. Dalla nostra è certo che noi andremo a Gallipoli per fare una grande prestazione e riportare a casa i tre punti. Dalla nostra abbiamo l'ottimo momento di forma mentale».

«CAMPIONATO DI ASSOLUTO EQUILIBRIO»

Otto squadre, eccezion fatta la Salernitana ad un passo dalla vittoria del torneo, per quattro posti. Questo campionato di giornata in giornate si dimostra uno dei più equilibrati da quando in C1 sono stati introdotti i play-off. Francesco Dettori: «sì l'equilibrio regna assoluto. È un campionato strano. Tante squadre sono coinvolte e nessuna dall'inizio è riuscita a dare un ritmo diverso rispetto le altre. Arrivati a questo punto sono tutte in corsa, a parte la Salernitana che credo vincerà questo campionato senza problemi. Il resto è tutto da definire anche perché queste ultime quattro partite sono ricche di scontri diretti. Solo il Perugia ha un calendario un po' più in discesa rispetto le altre».

DETTORI ED I PLAY-OFF

L'obiettivo dichiarato a questo punto della stagione, ovviamente, sono per i play-off: «si dobbiamo cercare di fare più punti possibile e poi guarderemo la nostra classifica. Dobbiamo arrivare ai play-off anche perché lì tutto è possibile. L'anno scorso ad esempio quando giocavo nel Potenza, noi non eravamo i favoriti con il Benevento, anzi tutt'altro. I play-off sono una lotteria, li vince chi ci arriva in condizioni fisiche e mentali migliori».
L'ex grande allenatore del Pescara Giovanni Galeone in una recente intervista ha detto che chi insegue è sempre favorito. Un po' quello che succede in una gara ciclistica, chi raggiunge il fuggitivo in testa alla corsa ha maggiori probabilità di vincere rispetto chi invece subisce la rimonta. È assolutamente d'accordo Francesco Dettori: «quando si insegue certamente la condizione mentale è diversa e certamente migliore. È difficile riprendersi dopo aver inseguito per tutto il campionato il primo posto e poi trovarsi coinvolti nella coda spareggi. Sono convinto che in quel caso chi insegue è favorito. Basta pensare quest'anno alla Valle Del Giovenco, che dopo aver lottato ad armi pari con il Benevento si trova in difficoltà adesso. O si ha un gruppo forte o davvero si rischia di vanificare tutto ciò che è stato fatto nei precedenti mesi di campionato. Ripeto, chi insegue ha sempre più stimoli ed è naturale che parte avvantaggiato. Noi inseguiamo da inizio campionato, per questo vogliamo i play-off...»
In conclusione, sul deferimento, Dettori è categorico: «noi non ci pensiamo. È compito della società pensare a tutto ciò che non riguarda il campo. Il ricorso però, posso assicurarlo, è sempre rimasto fuori dallo spogliatoio».

GERARDO SOGLIA ED IL DEFERIMENTO

Il presidente biancazzurro Gerardo Soglia, prima della partenza della squadra per il mini ritiro in terra pugliese, è tornato a parlare riguardo il deferimento che potrebbe colpire il club adriatico. La sentenza verrà depositata dalla disciplinare il 22 aprile e verrà letta il 2 maggio prossimo. Il club, per bocca appunto del proprio patron, si auspica il minimo della pena, ossia una semplice multa: «ci aspettavamo il deferimento, ma siamo tranquilli. Anche i tifosi possono stare sereni. È solo un problema di documenti, pertanto non subiremo alcuna penalizzazione. Il nostro avvocato (Edoardo Chiacchio, ndr) ha tutta la documentazione necessaria per evitare qualsiasi penalizzazione».

NOTIZIARIO

Seduta di allenamento singola ieri mattina sul sintetico del San Marco per il Pescara. In serata la squadra è partita per il mini ritiro nei pressi di Taranto, al fine di preparare al meglio la partita di domenica a Gallipoli. Tutti a disposizione del tecnico Franco Lerda compreso Micco, che ha regolarmente lavorato con i compagni.
Diramata da parte del tecnico anche la lista dei convocati per la trasferta in terra pugliese. Assente l'attaccante Virdis:
Portieri: Indiveri e Aridità;
Difensori: Diliso, Romito, Pomante, Vitale, Giuliano e Mottola;
Centrocampisti: Micco, Felci, Caracciolo, Velardi, Ferraresi, Turchi, Scappaticci, Olivieri, Cardinale e Dettori;
Attaccanti: Sansovini, Ebagua e Falomi.
La vendita dei tagliandi riservati alla tifoseria pescarese terminerà domani sera alle 19.00.

POTENZA-GALLIPOLI OMOLOGATA

Il risultato della partita Potenza-Gallipoli, terminata 3-2, è stato omologato. È stata la decisione della commissione disciplinare, che per gli incidenti causati dai sostenitori potentini ha squalificato lo stadio del Potenza per due giornate. I rossoblù, pertanto, saranno costretti a giocare contro Salernitana e Arezzo a porte chiuse.

Andrea Sacchini 11/04/2008