Tommaso Romito: «Gallipoli tappa fondamentale per il futuro del Pescara»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1183


PESCARA. Il successo ottenuto con la Pistoiese, seppur sofferto, ha consegnato al Pescara la quarta vittoria consecutiva. Un ruolino di marcia importante che ha consentito agli abruzzesi di arrivare alle porte dei play-off, distanti ad oggi soltanto una lunghezza. Il tutto alla vigilia della partita più importante della fin qui stagione positiva dei biancazzurri. Vincere a Gallipoli avrebbe un valore doppio per il morale e per la classifica.
Questo in quanto tre punti spingerebbero appunto i pugliesi, diretta concorrente per il raggiungimento degli spareggi promozione, a quattro lunghezze dagli abruzzesi.
Parte del merito dell'ultimo filotto di vittorie e di buone prestazioni va certamente attribuito alla ritrovata solidità del pacchetto difensivo adriatico. Il Pescara infatti non subisce gol da ben 420 minuti, non a caso le ultime quattro affermazioni in campionato e sembra aver trovato la quadratura del cerchio per quanto riguarda la difesa.
Grande protagonista e leader del pacchetto arretrato biancazzurro è sicuramente Tommaso Romito, che scherzosamente evita di parlare dell'imbattibilità che perdura da ben 420 minuti e che potrebbe arrivare oltre i 510 minuti in caso di zero gol a Gallipoli: «no per favore non voglio parlare di questo per scaramanzia... Rispondo a qualunque altra domanda!».

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

Scherzi a parte, dopo il quarto successo di fila la condizione soprattutto mentale del gruppo è ottima. Lo conferma lo stesso Tommaso Romito, che al contempo smentisce coloro che in questa settimana hanno parlato di calo fisico del Pescara nel secondo tempo con la Pistoiese: «mentalmente stiamo molto bene. Lo stesso dicasi per la condizione fisica. Sono cominciati i primi caldi e ne abbiamo risentito, ma questo è un discorso che vale anche per gli avversari. Non mi risulta che la Pistoiese abbia corso tanto più di noi nella ripresa. A Gallipoli ho sentito che farà molto caldo e questo non va a vantaggio né nostro né loro».
Con la Pistoiese però, malgrado i tre punti siano arrivati, si è registrato un netto passo indietro dal punto di vista del gioco. Il difensore del Pescara non è per questo preoccupato: «sono dell'avviso che l'importante sia raggiungere i tre punti. Tante volte mi è capitato di ricevere complimenti dopo una sconfitta. Preferisco vincere giocando meno bene che viceversa. È chiaro che è un piacere veder giocar bene, ma lo scopo ultimo sono i tre punti da aggiungere alla classifica. Con la Pistoiese abbiamo sbagliato qualcosa soprattutto perché abbiamo cercato troppo spesso la giocata individuale piuttosto che favorire la giocata di gruppo. Nell'unica occasione corale, non a caso, abbiamo segnato il gol della vittoria».

GALLIPOLI TAPPA FONDAMENTALE PER IL FUTURO

Gallipoli è il crocevia della stagione: «è una partita importantissima per il futuro del Pescara è inutile nasconderci. Quando giochiamo tranquilli, però, esprimiamo il massimo del nostro potenziale».
Firmeresti per un pareggio? «Firmare no, ma certamente il primo obiettivo è non perdere. Andiamo lì per vincere ma anche un pareggio non sarebbe certo un risultato negativo».
Stadio piccolo, campo di dimensioni ridotte e terreno in erba sintetica, decisamente una brutta faccenda...: «tutte le squadre trovano difficoltà sul sintetico se non sono abituate a giocare lì. La palla schizza sul campo e rimbalza in una maniera decisamente diversa rispetto al terreno in erba naturale. Abbiamo già giocato a Sorrento sull'erba sintetica e ci trovammo male. Quello però era tutto un altro Pescara rispetto a quello di oggi».
Il Gallipoli, in casa, ha costruito la propria importante classifica non soltanto per i vantaggi derivati dal campo di gioco piccolo ed in erba sintetica...: «si è vero. Hanno una qualità individuale importante. Il Gallipoli sulla carta ha una squadra competitiva con giocatori certamente di categoria superiore. Se in trasferta però hanno perso così tanti punti un motivo ci sarà. Durante il torneo hanno trovato delle difficoltà e la loro classifica è sicuramente sotto le aspettative considerando la rosa importante».

IL PERICOLO “DI GENNARO” E LA GARA D'ANDATA

Contro il Pescara rientrerà Di Gennaro, probabilmente il giocatore più insidioso per la retroguardia biancazzurra. Romito è d'accordo: «è un giocatore molto forte, sicuramente di categoria superiore. In C ha fatto tantissimi gol e naturalmente avremo un occhio di riguardo per lui. L'ho già incrociato quando indossavo in C la maglia del Napoli. Non vedo l'ora di incontrarlo sul campo. Affrontare attaccanti così forti regala sempre stimoli importanti per noi difensori».
All'andata il 3-2 per il Pescara fu un risultato troppo stretto per gli abruzzesi, dominatori in lungo e in largo del match per tutti i novanta minuti di gioco: «sì è vero giocammo una partita molto bella. Loro hanno sofferto molto la nostra velocità e il nostro gioco. Ricordo che Cani fece una partita grandissima e contribuì molto a conquistare i tre punti. Certo quando giochiamo un buon calcio possiamo mettere in difficoltà chiunque».

"NON PENSIAMO AL DEFERIMENTO "

Conclusione dedicata al deferimento che potrebbe decurtare un punto o due dalla classifica ottima dei biancazzurri: «al deferimento non ci pensiamo minimamente. Nello spogliatoio questa questione non è mai entrata. Dobbiamo solo pensare a fare più punti possibili, al resto penserà la società ed il presidente».

NOTIZIARIO

Doppia seduta di allenamento ieri per il Pescara allo stadio Adriatico. Mattina in palestra e pomeriggio sul campo. Hanno riposato Micco, Virdis e Fortunato, che saranno comunque a disposizione per la trasferta di domenica prossima a Gallipoli. Domani seduta di allenamento singola sul sintetico del San Marco e partenza per la cittadine pugliese già nel pomeriggio.
Infine sono in vendita fino a domani alle ore 19.00 i 1.150 tagliandi del settore ospite messi a disposizione dei sostenitori pescaresi da parte della società Gallipoli calcio. Punti vendita e modalità sono consultabili sul sito ufficiale della Pescara calcio.

Andrea Sacchini 10/04/2008