Franco Lerda: «Pescara-Crotone è importante. Vogliamo e dobbiamo vincere»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1170



PESCARA. Si avvicina l'impegno più importante della fin qui buona stagione dei biancazzurri. Lunedì infatti, con inizio fissato alle ore 20.45, il Pescara ospita all'Adriatico il Crotone, nel primo vero e proprio scontro play-off della stagione.
Il morale del gruppo è alto e l'entusiasmo dell'ambiente cresce di giorno in giorno. Per la prima volta da settembre infatti lo stadio Adriatico, nel caso di condizioni atmosferiche buone, potrebbe registrare una notevole affluenza di pubblico. Le premesse ci sono tutte. La società, in tal senso, ha ribassato notevolmente i prezzi dei biglietti, il Pescara è ad un passo dai play-off e l'orario serale ha il sapore della grande sfida.
Nel passato, i match serali all'Adriatico tra Pescara e Crotone hanno sempre fatto registrare il pienone.
Si ricorda Pescara-Crotone 2-1 del 20 ottobre 2002, gran gol da fuori area di Daniele Croce ad una manciata di minuti dalla fine del match, con oltre 10 mila spettatori e, purtroppo, un umiliante 1-4 subito il 5 giugno 2005 ad opera dei calabresi guidati all'epoca dall'ex biancazzurro Giampiero Gasperini.
Nel frattempo, in vista della gara di lunedì, rientra fortunatamente l'allarme Marco Sansovini. Il bomber biancazzurro, 12 reti stagionali, ha svolto solo terapie nell'allenamento di ieri ma la sua presenza non è in dubbio per il match col Crotone.

LERDA:«SIAMO PRONTI E MATURI»

Una lieta notizia per il tecnico Franco Lerda che può preparare al meglio il posticipo di lunedì sera: «i ragazzi sono molto motivati, malgrado il primo obiettivo salvezza sia stato raggiunto, non vedo in loro alcun senso di appagamento. Abbiamo tutte le carte in regola per vincere ed avvicinarci ulteriormente alla zona play-off. La gara con il Crotone, da questo punto di vista, è importantissima».
Franco Lerda parla anche del prossimo avversario, punti di forza e di debolezza: «il Crotone è una squadra forte. Ha un organico molto competitivo e merito a pieno la posizione di alta classifica che ora occupa. Individualmente sono molto forti, ma il Crotone è valido anche come collettivo. Certamente la punta francese Ghezzal (16 reti in campionato, ndr) è la punta di diamante di una rosa competitiva. A fronte di un andamento estremamente positivo in casa, il Crotone denota ben più di un problema in trasferta. Noi in casa abbiamo sempre fatto bene e le premesse per vincere ci sono tutte».
Il Pescara giocherà sapendo già i risultati dagli altri campi. Un vantaggio o meno lo chiarisce il tecnico biancazzurro: «i giocatori che ho a disposizione sono mentalmente maturi. Dovendo scegliere è uno svantaggio conoscere in anticipo i risultati delle altre pretendenti ai play-off. Però noi dobbiamo vincere e pensare solo alla nostra partita. D'altronde dobbiamo inseguire e recuperare punti, a partire dalla gara di lunedì all'Adriatico con i calabresi».
Pescara-Crotone sarà anche Sansovini contro Ghezzal, una sfida nella sfida: «Sansovini sta facendo un campionato ad altissimo livello. È un ragazzo in gamba e sicuramente è di categoria superiore. Per quanto riguarda la punta del Crotone, il francese Ghezzal, i 16 gol fin qui in campionato parlano da soli. Sarà una bella sfida».
Con la Massese si sono rivisti dal primo minuto Caracciolo e Micco, che hanno preso il posto di Cardinale e Turchi. Segno che il Pescara possiede un organico numericamente e qualitativamente elevato: «la rosa è composta da tanti giocatori validi. Una certa rotazione è indispensabile in un campionato lungo ed impegnativo come questo. Chi è stato chiamato in causa ha sempre fatto bene, al di là di ogni rotazione».
Con la Massese, al di là dei tre punti guadagnati, il Pescara non è piaciuto complessivamente. Lerda analizza i pregi e i difetti dei suoi a Massa: «abbiamo disputato un ottimo primo tempo. Trovata la rete con Sansovini poi abbiamo cercato di colpire di rimessa. Nella seconda frazione di gioco è salita un po' in cattedra la Massese che ha sfiorato il pareggio, mettendo in risalto la nostra difficoltà nei minuti iniziali della ripresa. Negli ultimi venti minuti, però, non ricordo vere e proprie occasioni da rete create dalla Massese».
Meglio vincere giocando male che al contrario perdere disputando una buona partita, di questo Lerda ne è convinto: «è chiaro che noi cerchiamo sempre di fare un bel gioco. A Perugia abbiamo giocato una buona partita ma non abbiamo riportato punti a casa. Il contrario di quanto fatto a Massa. Sono convinto, però, che il Pescara abbia giocato comunque discretamente anche con la Massese».
Sul futuro, più precisamente sul prossimo campionato, l'ex tecnico del Casale è categorico: «non so nulla. È chiaro che il mio desiderio è quello di restare al Pescara, ma l'ultima decisione spetta al presidente».

NOTIZIARIO

Doppia seduta di allenamento ieri per il Pescara. Mattina in palestra allo stadio Adriatico e pomeriggio trascorso al campo Vestina di Montesilvano. Hanno lavorato a parte Velardi, Fruci e Paolucci.
Assente soltanto Visone, alle prese con qualche linea di febbre. Solo terapie per il bomber Sansovini, che comunque sarà a piena disposizione del tecnico Franco Lerda per il match con il Crotone. Oggi seduta singola di allenamento per il Pescara.

QUI CROTONE

Doppia seduta di allenamento ieri per il Crotone che prepara l'imminente partita di lunedì sera all'Adriatico con il Pescara. Ha ripreso a lavorare Fiasconi, che è da considerarsi pienamente recuperato per la trasferta in terra abruzzese. Non ha lavorato Quondamatteo, che resta fortemente in dubbio. Oggi seduta di allenamento singola pomeridiana agli ordini del tecnico Paolo Indiani.

Andrea Sacchini. 28/03/2008