Basket. Domenica ritorna il Siviglia Teramo: ad attenderlo c’è Rieti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

970



TERAMO. Dopo la salutare pausa – il Campionato non si era mai interrotto dallo scorso 30 settembre - osservata per la disputa della Final Eight, la Serie A TIM torna ad essere protagonista con la sesta giornata del girone di ritorno.
Il Siviglia Wear Teramo, a quasi un mese di distanza dall'ultimo impegno casalingo (vittoria interna con l'Armani Jeans Milano lo scorso 20 gennaio), si ripresenta domenica 17 febbraio al PalaScapriano per affrontare la Solsonica Rieti, nel consueto orario delle 18,15.

SOLSONICA RIETI
La formazione sabina appaia i biancorossi in classifica a quota 20 punti, frutto di 10 vittorie quasi equamente distribuite, con quattro exploit conseguiti sinora lontano dal PalaSojourner (Roma, Scafati, Avellino e - l'ultimo – Biella due turni fa) in 11 incontri disputati, ma viene, tuttavia, dalla sconfitta interna patita con la Premiata Montegranaro.
Il team amaranto-celeste, guidato anche quest'anno da coach Lardo – il tecnico che ha riportato la Nuova Sebastiani in Serie A -, ha cambiato completamente pelle in meno di un mese: dopo le partenze di Carter e Sow, sono, infatti, arrivati ben quattro giocatori (la guardia bulgara Videnov, l'ala Alejandro Gomez, l'ala/pivot Smith e l'ex playmaker labronico Ingles) a rinforzare la Solsonica.
La stella è senz'altro il 26enne playmaker statunitense Morris Finley, che segna 20.1 punti di media, è terzo nella valutazione (20.7 di media) e tira con oltre il 40% da tre, come del resto fanno altri tre suoi compagni di squadra, tra i quali l'ex biancorosso LeRoy Hurd.
Rieti è anche seconda nei falli subiti, segno della predisposizione offensiva di Gigena e compagni nel cercare l'uno contro uno.

SIVIGLIA WEAR TERAMO
Si torna a giocare dopo una settimana di stop e si riapre lo scenario del PalaScapriano per la compagine aprutina, proveniente dall'importante successo esterno di Varese – il terzo in trasferta quest'anno – e da quattro punti conquistati nelle ultime tre gare, nonostante due di queste si siano giocate lontano dal pubblico amico, autentico valore aggiunto di Lulli e compagni.
Il team biancorosso affronta la prima di due partite casalinghe consecutive – la seconda è in programma domenica 24 con la Tisettanta Cantù -, rinvigorito nel morale dopo la bella prestazione in terra lombarda: vincerle entrambe equivarrebbe ad una grossa ipoteca nella corsa verso la salvezza.
Per l'occasione debutterà nel Siviglia Wear, davanti ai suoi nuovi tifosi, anche la guardia dell'Ohio Devin Green, ex Los Angeles Lakers, che metterà le sue qualità al servizio del gruppo per il raggiungimento dell'obiettivo prefissato.
L'opinione del coach del Siviglia Wear Teramo, Massimo Bianchi: “Sicuramente è una partita fondamentale, visto che torniamo a giocare in casa dopo due trasferte. Rieti non è una squadra facile da affrontare, ha cambiato parecchio il proprio roster rispetto alla gara disputata nel girone di andata. È chiaro che dobbiamo sfruttare il fattore campo perchè sarebbe molto importante allungare ulteriormente il passo rispetto alle inseguitrici.
Storicamente le squadre di Lardo sanno giocare bene insieme, e quindi le nostre attenzioni non dovranno essere dirette su un singolo giocatore, ma sul gruppo in quanto tale.
Dobbiamo giocare con la massima concentrazione per quaranta minuti, mettendo in campo grande determinazione e la giusta grinta, cercando di dare un seguito al bel successo conquistato a Varese”.


ULTIM'ORA
In casa abruzzese, soltanto qualche istante prima del match verrà presa una decisione circa l'utilizzo di Marco Carra, allenatosi poco in settimana a causa di una tallonite; sulla sponda laziale, invece, oltre al finlandese Tuukka Kotti, salterà l'impegno del PalaScapriano anche il regista argentino Nelson Ingles, che proprio in settimana ha riportato una lesione muscolare.

EX E PRECEDENTI
Saranno tre gli ex in campo, tutti sulla sponda reatina: il più recente è LeRoy Hurd, che ha vestito la canotta biancorossa la scorsa stagione; l'iberico Alejandro Gomez, invece, ha vissuto a Teramo una breve parentesi di due mesi nella stagione 2003/04, mentre il centro Massimiliano Rizzo, ha giocato in Abruzzo ai tempi della Serie B1.
Un solo precedente in Serie A tra le due compagini, all'andata, a Rieti: a prevalere fu la Sebastiani, che si impose con il punteggio finale di 94-86, interrompendo una serie positiva di Teramo di ben quattro turni.

15/02/2008 17.16