C2/C. Pescina, Val Di Sangro e Celano: come crescono le abruzzesi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1525



PESCINA VALLE DEL GIOVENCO. Dopo l'ennesimo successo stagionale, quarantesimo punto conquistato al termine di un girone di andata assolutamente trionfale, adesso la Valle del Giovenco non può più nascondersi. Battuta la Val Di Sangro nel derby, seppur con molta fortuna, si guarda con fiducia al girone di ritorno che inizierà proprio domani. L'obiettivo ora non è più la semplice salvezza ma la promozione in serie C1, o quantomeno la partecipazione ai play-off promozione, come ormai da giorni ripetono i massimi vertici del sodalizio abruzzese. I punti di vantaggio sulla seconda sono passati da uno a tre, ma il campionato è ancora nulla ed è troppo presto per fare calcoli.
Senza guardare troppo lontano, domani il Pescina è atteso alla trasferta di Gela. Un campo difficile soprattutto per quanto riguarda l'impatto ambientale con un pubblico caldissimo. Fin qui, comunque, la capolista ha dimostrato di non temere nulla e di essere pronta ad affrontare qualsiasi avversaria.

VAL DI SANGRO. Dopo la immeritata sconfitta di mercoledì contro il Pescina, la Val Di Sangro, che ora occupa l'ultimo posto della graduatoria, può e deve rialzarsi. Malgrado la sconfitta la squadra ha dimostrato di essere viva dimostrando che, con qualche importante innesto in sede di mercato invernale, la salvezza è alla portata. Il club abruzzese era partito ad inizio campionato con ben altre speranze, ma la settima sconfitta stagionale ha inevitabilmente causato un terremoto nei quadri dirigenziali del club. Si sono dimessi Eusebio Di Francesco e Pierfrancesco Visci, rispettivamente Direttore Sportivo e Team Manager. La sconfitta è stata cara anche per il tecnico Danilo Pierini, esonerato dal patron sangrino Amerigo Pellegrini.
Domenica per la gara casalinga con la Vibonese in panchina ci sarà Lauro Falciglia, attuale preparatore dei portieri. Per la sostituzione permanente di Pierini si fa con insistenza il nome di Palumbo, ex allenatore della Paganese, attualmente favorito su Vincenzo Vivarini, la scorsa stagione parentesi sfortunata in B con il Pescara.
Proprio dal capoluogo adriatico potrebbero arrivare i primi rinforzi per potenziare la rosa. Si parla del difensore Fruci e delle punte Paponetti e Ciofani. Su quest'ultimo c'è però da battere l'agguerrita concorrenza del Celano. Probabile anche l'acquisto in prestito dell'esterno biancazzurro Vellucci.

CELANO. La vittoria di mercoledì con il Melfi ha permesso al Celano di raggiungere una posizione più tranquilla di classifica rispetto le ultime settimane di passione. Ora sono quattro i punti di vantaggio sul quintultimo posto, occupato dalla coppia Vibonese-Noicattaro.
Domani i biancazzurri sono però chiamati alla conferma contro l'ostico Catanzaro, stabile in zona play-off. Con i giallorossi di Calabria il tecnico Modica dovrà rinunciare a Zanon, appiedato per un turno dal giudice sportivo. Probabile al suo posto venga lanciato dal primo minuto l'esperto Alessandro Del Grosso.

a.s. 15/12/2007