C2/B. Teramo e Giulianova preparano il prossimo turno di campionato.

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1119

TERAMO. I biancorossi si preparano alla trasferta di Ferrara contro la Spal. Il morale non è dei migliori dopo la sconfitta interna 0-2 rimediata al Comunale con il Castelnuovo. Il rovescio di mercoledì ha messo in luce l'annoso problema del Teramo, ossia il campo da gioco.
Il vecchio Comunale, infatti, oltre ad essere un impianto fatiscente tra i peggiori del panorama italiano, possiede un terreno da gioco dissestato decisamente penalizzante per le squadre che, come il Teramo, giocano palla a terra. Si aspetta da questo punto di vista con fiducia l'agibilità del nuovo stadio teramano, un vero gioiello.
Per quanto riguarda l'infermeria, è ancora incerto il recupero di Gardella, colpito martedì da un leggero stiramento. Torna disponibile invece Borgogni, che ha scontato un turno di squalifica. Abile e arruolabile anche Cascone che potrebbe figurare nella lista dei convocati per Ferrara. Niente da fare per il forte centrocampista Margarita, che dovrà forzatamente restare ai box almeno per un'altra settimana.
Oggi nel frattempo nella sala consiliare del comune di Teramo verrà presentato il calendario ufficiale 2008 dei diavoli, in collaborazione con l'associazione Italiana Persone Down. Alla presentazione prenderà parte lo staff tecnico e la squadra al gran completo.

GIULIANOVA. Il Giulianova è tornato ieri ad allenarsi al campo Controguerra. Momento esaltante per i giuliesi che, con lo 0-0 sul campo del Cuoiopelli, hanno ottenuto il sesto risultato utile consecutivo. Domani al Fadini arriva il Viareggio, reduce dal rocambolesco rovescio 6-3 di Reggio Emilia. Per i giallorossi l'occasione è ghiotta per tentare di avvicinare la sestultima piazza, ossia la salvezza diretta senza passare per i temuti play-out. La serie positiva ha permesso ai giuliesi di agguantare le dirette concorrenti che, fino a poche domeniche fa, sembravano troppo lontane.
Contro i toscani però mancheranno due pedine fondamentali dello scacchiere del tecnico Bitetto. Il difensore Simone Piva e l'attaccante Christian Ranalli, entrambi squalificati. A parte queste due assenze, l'undici titolare è pressoché fatto. L'unico dubbio, al momento, è rappresentato dal ballottaggio Pucello-Macrì, con quest'ultimo leggermente avvantaggiato. In avanti fiducia al tandem Polo-Chaib.

a.s. 15/12/2007