Confronto tra giocatori e tecnico. Franco Lerda: «rialzeremo presto la testa»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1314

PESCARA. Il Pescara ieri è tornato ad allenarsi al campo Vestina di Montesilvano. Unico assente era Conti, non ancora pienamente recuperato dopo l'attacco influenzale della scorsa settimana.
Il morale della truppa di Lerda è basso e non potrebbe essere altrimenti dopo la brutta sconfitta, vuota di contenuti e priva di carattere, subita domenica sul campo del Sorrento.
Nel prossimo turno il Pescara, dopo tre trasferte consecutive, torna all'Adriatico per ospitare la Salernitana.
Allora quale migliore occasione per il riscatto se non quella di affrontare la prima della classe?
Proprio in previsione della gara con i campani, una sorta di derby per il patron biancazzurro date le sue origini salernitane, ieri c'è stato un lungo faccia a faccia fra tecnico e giocatori: «abbiamo parlato di questo momento particolare ed abbiamo chiarito alcuni concetti».
Sono le parole raccolte al termine dell'allenamento di Franco Lerda, che prosegue: «è stata una chiacchierata positiva che ha portato ad un confronto sereno. Abbiamo detto quello che si deve dire in queste occasioni. Due sono le cose, o abbiamo la personalità sufficiente per rialzarci ed uscire da questo momento difficile o ci nascondiamo e quest'ultimo non è certamente il nostro caso. Se ci saranno, i frutti comunque li vedremo sul campo domenica contro la Salernitana».
Il tecnico biancazzurro torna poi sulla cattiva prestazione dell'ultimo turno di campionato a Sorrento: «a parte l'approccio sbagliato, la reazione dopo il loro vantaggio è mancata. Per la prima volta l'approccio è stato sbagliato per tutti i novanta minuti di gioco. Non era mai successo in precedenza. A Pistoia ad esempio abbiamo disputato un secondo tempo tutto sommato positivo ed abbiamo sfiorato la vittoria».
Lerda prosegue parlando del reparto difensivo e del momento no dell'attacco: «a livello difensivo abbiamo retto bene. È difficile uscire indenne dal campo del Sorrento, una squadra molto forte in avanti, facilitata inoltre da un campo atipico (quello di Sorrento di dimensioni ridotte ed in erba sintetica, ndr). A Pistoia non abbiamo subito reti ed a Crotone la difesa ha fatto egregiamente. Per quanto riguarda l'attacco, solo la partita di Sorrento ha rappresentato una parentesi negativa. Nelle occasioni precedenti infatti abbiamo sempre creato pericoli alla porta avversaria».
Il gioco è sempre subordinato al risultato del campo.
Questo l'ex giocatore del Brescia lo sa: «non siamo più brillanti come ad inizio stagione è vero, ma ad esempio se a Pistoia avessimo vinto i giudizi sarebbero stati diametralmente opposti. Quando i risultati non vengono è logico che si perde un po' di sicurezza nei propri mezzi. Questi ragazzi però hanno tutti le qualità per rialzare la china».
Domenica c'è la Salernitana, solitaria alla testa del girone B.
Il tecnico biancazzurro è carico e fiducioso di invertire il trend negativo delle ultime domeniche: «affrontare in questo momento delicato la Salernitana è paradossalmente un bene. Giocare contro la prima della classe offre sempre qualche motivazione in più del normale. Lo ripeto, usciremo presto da questo brutto momento».
L'ultima domanda sul modulo. 4-4-2 o 4-3-3? Lerda vuol chiarire una volta per tutte la questione: «a Sorrento abbiamo utilizzato il 4-4-2 classico di inizio stagione. Non fatevi ingannare dagli uomini che ho schierato in campo. Il modulo è sempre quello, cambiano solo gli interpreti. A mio avviso Alfageme può benissimo giocare decentrato».

GIUDICE SPORTIVO: DUE TURNI A DILISO

La commissione disciplinare ha inflitto ieri due giornate di squalifica a Nicola Diliso. Il provvedimento pesante è stato adottato malgrado il difensore di fascia biancazzurro non sia stato espulso. Questo in quanto, secondo il referto arbitrale, Diliso avrebbe rivolto frasi irriguardose nei confronti di un assistente di gara al termine del match con il Sorrento. Entra in diffida Vitale mentre per quanto riguarda la Salernitana, sono stati appiedati per un turno dal giudice sportivo Cardinale e Carcia. Entrambi salteranno proprio la gara con Il Pescara.

PESCARA-SALERNITANA, IMPORTANTE PER I TIFOSI

In occasione della gara di domenica 2 dicembre con la Salernitana, rimarrà chiuso il settore ospiti. Le altre decisioni dell'Osservatorio del Viminale, che toccano da vicino i sostenitori del Pescara che volessero assistere alla gara contro i campani, sono le seguenti:
-La vendita dei biglietti dovrà essere effettuata esclusivamente nella provincia di Pescara. E' inoltre vietato vendere biglietti attraverso i circuiti telematici al di fuori della provincia di Pescara;
-Ciascun acquirente potrà acquistare un solo tagliando;
-Sarà vietato il cambio nominativo sia per i tagliandi che per gli abbonamenti.

Andrea Sacchini 28/11/2007